Edilizia scolastica a Briatico, Albanese: «Si effettuino le prove di staticità»

L’edificio che dovrebbe ospitare la scuola primaria è chiuso da due anni nonostante fosse stato ristrutturato nel 2009. Previsti nuovi lavori sui quali l’ex amministratore chiede di vigilare

L’edificio che dovrebbe ospitare la scuola primaria è chiuso da due anni nonostante fosse stato ristrutturato nel 2009. Previsti nuovi lavori sui quali l’ex amministratore chiede di vigilare

Informazione pubblicitaria
La scuola chiusa a Briatico
Informazione pubblicitaria

Alcune perplessità vengono sollevate in merito allo svolgimento delle verifiche obbligatorie di staticità della scuola elementare di Briatico da parte di Pino Albanese, ex consigliere comunale. Lo stesso, in una nota, pone l’accento sui previsti lavori di messa in sicurezza e adeguamento sismico dell’edificio scolastico, «chiuso da circa due anni dopo che i Vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia avevano riscontrato gravi problematiche», chiedendosi se, prima di avviare gli stessi, siano state previste le opportune verifiche di staticità ai sensi dagli artt. 24, 25 e 67 del Dpr 380/2001.

Informazione pubblicitaria

L’ex amministratore ricorda che «già nel 2009, nello stesso edificio, erano stati effettuati dei lavori per la messa in sicurezza, per un importo di oltre 192mila euro; oggi, chiediamo a chi ha il compito di verificare la regolarità dell’appalto, se sono state effettuate preventivamente le indagini geognostiche, geologiche e geotecniche e quelle relative alla caratterizzazione geo-meccanica e alla natura litologica e litostratigrafica del terreno di fondazione del perimetro dell’edificio oggetto di prossimo appalto».

Ancora, Albanese invoca il preventivo svolgimento di «prove penetrometriche dinamiche e di resistenza del terreno; determinazione approfondita delle resistenze del terreno; calcolo globale dei cedimenti; analisi della suscettibilità della liquefazione dei terreni di fondazione; valutazione della permeabilità del terreno; verifica della resistenza dei solai, delle pareti divisorie e, dei carotaggi sui muri perimetrali esterni». 

Si tratta di «una scuola – spiega l’attivista di Briatico – in cui i lavori, dopo continui annunci del sindaco, dovevano iniziare a gennaio 2016 e chiudersi con l’avvio delle lezioni. Invece ancora oggi siamo al palo, con i conseguenti gravi problemi in tutti gli edifici in scolastici del comune, dove, a quanto pare, mancano i relativi certificati di agibilità statica». Questione che è fonte di «forte preoccupazione da parte dei genitori, che si vedono sballottati i propri figli da un plesso all’altro, peraltro collaborando in prima persona al trasloco di mobili, giochi e quant’altro necessario al funzionamento delle scuole materne ed elementari».

Per tali motivi, Albanese chiede «al prefetto Carmelo Casabona e ai Vigili del Fuoco, di procedere alla verifica degli elaborati progettuali dell’appalto, per accertare se le verifiche di staticità e le prove di fondazioni, siano state realmente effettuate. La verifica – conclude – è opportuna, anche per vagliare quali lavori siano stati realmente effettuati nel 2009 sulla base della somma citata e quale necessità c’era di spenderne tantissimi altri oggi».