Rifiuti a Mileto, il sindaco: «Inaccettabili i ritardi della Muraca sugli stipendi»

Giordano replica anche a Caserta: «Stiamo facendo tutto quanto in nostro potere, ho già diffidato la ditta. Invito gli operai a chiedere il pagamento diretto dal Comune»
Giordano replica anche a Caserta: «Stiamo facendo tutto quanto in nostro potere, ho già diffidato la ditta. Invito gli operai a chiedere il pagamento diretto dal Comune»
Informazione pubblicitaria

«Ha ragione il consigliere Caserta. Lasciare senza stipendio i propri dipendenti è una pessima abitudine, che la ditta Muraca continua a perseverare nonostante i molti richiami e le molte contestazioni da parte nostra. A fine agosto l’ho diffidata a pagare gli stipendi con regolarità, non essendo ammissibile che, scientificamente, ad un ritardo nel pagamento della rata da parte dell’ente corrisponda un mancato pagamento delle retribuzioni». Queste le prime parole con cui il sindaco di Mileto Natino Giordano risponde alle accuse mossegli ieri dal capogruppo di minoranza Giulio Caserta, riguardo alla presunta sua inerzia sul tema del ritardo dei pagamenti delle spettanze ai propri dipendenti, da parte della ditta titolare del servizio di raccolta della spazzatura. Un intervento, in cui il primo cittadino ci tiene poi a rilevare che quello della Muraca è un comportamento da condannare «sotto vari profili, e non solo sotto quelli rilevati dal consigliere Caserta», e a precisare che sin dal suo insediamento sono stati chiesti alla ditta «non favori personali, ma solo servizi efficienti e comportamenti efficienti. Bisogna ammettere – spiega – che la ditta è bravissima nella raccolta, ma non nello spazzamento, nel taglio d’erba e in altri servizi (vista anche la mancanza della spazzatrice). L’aspetto più odioso, però, appare la mancata corresponsione degli stipendi con regolarità, anche perché si tratta di operai a capo di famiglie monoreddito e con figli piccoli. Pertanto, diffido ulteriormente la ditta a fare quanto dovuto in merito».

Informazione pubblicitaria

Nella replica viene affrontato anche «l’altro lato dolente» della vicenda: i ritardi del pagamento delle rate alla ditta, da parte del Comune. E su questo punto il sindaco rileva «che l’Ufficio tecnico ogni mese emette le determine di liquidazione», e che poi «per atavici problemi di cassa – in parte dovuti anche alla forte evasione nel settore che ci portiamo dietro da insane gestioni del passato, e non solo, e a cui cercheremo di porre rimedio con misure adeguate – non si riesce ad emettere sempre il mandato se non con ritardi di qualche mese. Ciò però – sottolinea – come giustamente rilevato da Caserta e come io stesso in passato ho avuto modo di denunciare, non autorizza la ditta a riversare il tutto sui dipendenti, anche perché chi partecipa ad un appalto così oneroso come quello che si ritrova sulle spalle il nostro Comune, deve avere la capacità finanziaria di sopportare qualche ritardo dell’Ente pubblico. Altrimenti ognuno potrebbe con i soldi degli altri atteggiarsi a imprenditore. La Muraca è una grande società – prosegue Giordano – ma deve scrollarsi di dosso, soprattutto a Mileto, una gestione amichevole dell’appalto. Chiediamo, insomma, di assumere un atteggiamento più serio e professionale e un maggiore impegno nell’adempimento degli obblighi contrattuali». Il sindaco, in conclusione, invita i dipendenti della ditta a delegare il Comune a pagarli direttamente, «in modo da trovare forse una soluzione a questo male», e la Muraca a saper cogliere ancora una volta il giusto messaggio, «evitando di trascinare il rapporto in vertenze che provocherebbero danni a tutti», e che, comunque, «il sottoscritto è pronto ad affrontare, a tutela delle ragioni dei lavoratori e del servizio».