lunedì,Giugno 17 2024

Pro Loco di Vibo Marina, Murabito (Prc) chiude il ciclo di confronti con i candidati a sindaco

L’unica donna in corsa per la poltrona di primo cittadino: «Dal Comune assoluta mancanza di attenzione per questa realtà associativa. Le cose devono cambiare». L’appello del presidente De Maria: «Restituire dignità alla frazione costiera»

Pro Loco di Vibo Marina, Murabito (Prc) chiude il ciclo di confronti con i candidati a sindaco
La candidata Murabito nella sede della Pro loco di Vibo Marina

Si è concluso il ciclo di confronti organizzato dalla Pro loco di Vibo Marina con i candidati a sindaco per l’ormai imminente consultazione elettorale amministrativa. Il quarto ed ultimo incontro promosso dal sodalizio è stato quello con l’unica donna in lizza per la carica di sindaco di Vibo Valentia, Marcella Murabito. Accompagnata da Mariella Barbuto, la candidata di Rifondazione comunista ha illustrato, in sintesi, le linee del proprio programma che mette al centro le cittadine e i cittadini, «testimoni e vittime di ciò che non va, i più interessati a un cambiamento».

I punti della proposta Murabito

I punti illustrati sono stati: «Perseguire l’obiettivo della partecipazione attiva, del rispetto della Costituzione, dei valori dell’antifascismo, della legalità, trasparenza, semplificazione amministrativa. Puntare a consigli comunali aperti, al bilancio partecipato, all’accesso a tutti i servizi essenziali in tempo reale, all’educazione ed agli edifici per ogni Istituto per gli studenti, spazi per i giovani, attenzione ai beni comuni come l’acqua, il riuso e la riduzione al minimo dei rifiuti, il volontariato e l’associazionismo». In particolare, Marcella Murabito ha inteso definire «positivo l’incontro con la Pro loco. C’è stata ampia convergenza- ha affermato la candidata di Rifondazione- sia sull’analisi delle criticità del contesto in cui l’associazione opera, sia sulla assoluta mancanza di attenzione da parte del Comune nei confronti di questa realtà, che da quarant’anni svolge una funzione importantissima specie nel settore della tutela dei beni culturali e del turismo marittimo. Totale- a suo avviso- condivisione da entrambe le parti sulla necessità di ribaltare la situazione, mettendo associazione nelle condizioni di offrire questo servizio alla comunità, potendo contare su spazi e risorse adeguati, come già precisamente indicato nel programma elettorale della nostra lista».

Il presidente De Maria ha poi illustrato in sintesi le proposte della Pro Loco-Aps soffermandosi sulla necessità di ridare dignità a Vibo Marina ed agli altri centri costieri anche mediante il ripristino del nome di “Porto Santa Venere”.

«Anche stavolta- ha dichiarato il presidente del sodalizio- è stato un confronto molto partecipato e sereno su idee ed aspettative per il rilancio di un territorio in grave crisi sociale, economica, occupazionale e culturale. Nel ciclo di incontri che abbiamo promosso, abbiamo esposto le nostre idee e abbiamo preso atto dei programmi dei diversi candidati, suggerendo modifiche e integrazioni. Ci auguriamo una proficua collaborazione con qualsiasi schieramento vincerà le elezioni. In bocca al lupo a tutti e buon lavoro».

LEGGI ANCHE: Centri costieri, confronto tra la Pro loco Vibo Marina e il candidato a sindaco Cosentino

Dal Porto alla messa in sicurezza di Vibo Marina, la Pro loco incontra il candidato a sindaco Muzzopappa

Dal rilancio del porto ai siti industriali, il candidato Romeo incontra la Pro loco Vibo Marina

Articoli correlati

top