Pippo Callipo verso la (ri)candidatura alla Regione? L’imprenditore: «Vedremo»

Il nome del “Re del tonno” circola con sempre maggiore insistenza in quota Movimento cinque stelle. L’interessato non conferma né smentisce: «Aspettiamo di sapere cosa ne pensano a Roma» [VIDEO]
Il nome del “Re del tonno” circola con sempre maggiore insistenza in quota Movimento cinque stelle. L’interessato non conferma né smentisce: «Aspettiamo di sapere cosa ne pensano a Roma» [VIDEO]
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

All’incontro convocato ieri sera a Pizzo dall’assessore comunale alle Politiche sociali, Pasquale Marino, che ha tracciato un bilancio dei primi due anni di attività amministrativa, c’era anche l’imprenditore Pippo Callipo, l’uomo che molti indicano come possibile candidato  governatore del movimento 5 stelle alle prossime elezioni regionali. «Non c’è nulla di nuovo da svelare – dice ai nostri microfoni, lasciando intendere che le sue carte sono già sul tavolo -. Ora bisogna capire come stanno le cose, sentire Roma che dice e cosa dicono i componenti del Movimento. Poi – aggiunge – dirò io la mia»

Informazione pubblicitaria

Pippo Callipo non conferma, né smentisce. Potrebbe essere lui il candidato “civico” dei cinquestelle. Il candidato in grado di condurre a quell’accordo tra i pentastellati e il Partito democratico, che in Calabria, da Nicola Morra a Laura Ferrara, quasi tutti nel Movimento osteggiano. Almeno a parole.

Anche il sottosegretario ai Beni culturali, Anna Laura Orrico, la cui nomina è stata considerata da tutti gli osservatori il segnale inequivocabile che la candidatura di Callipo è ormai ben più di una semplice ipotesi, non si sbilancia più di tanto ma lascia intendere che il re del tonno potrebbe essere l’asso nella manica per arrivare a un nome condiviso: «È l’unica persona con esperienza civica, candidato interessante, ma prima – afferma – bisogna confrontarsi con nel Movimento»

Segnali da decifrare che sembrano andare nella stessa direzione, sono venuti in settimana anche dall’imprenditore sotto scorta Nino De Masi, da sempre un punto di riferimento dei vertici cinquestelle in Calabria. Il diretto interessato, accolto nella sua Pizzo con strette di mano e sguardi compiaciuti, non può che dirsi gratificato: «Se la gente parla bene di me sono contento…», dice Callipo. E alla domanda delle cento pistole, cioè se accetterà di candidarsi se dovessero chiederglielo, risponde con intercalare decisamente possibilista: «Vedremo, vedremo…».