Caduta massi sulla Sp 23, Macrì: «Rischi inconcepibili, Anas ultimi i lavori»

Il consigliere comunale di Nicotera e coordinatore della Lega incalza i sindaci: «Sollecitino la messa in sicurezza, non possiamo rischiare l’incolumità pubblica»
Il consigliere comunale di Nicotera e coordinatore della Lega incalza i sindaci: «Sollecitino la messa in sicurezza, non possiamo rischiare l’incolumità pubblica»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Pretendiamo che questa strada sia percorribile nella massima sicurezza degli automobilisti». Ad intervenire sulla tenuta della Sp 23 Joppolo-Coccorino, alla luce della caduta di due massi sul manto stradale, è il coordinatore cittadino della Lega nonché consigliere comunale di Nicotera Antonio  Macrì. «Questo avvenimento è molto grave – commenta Macrì – perché qualora dovesse venire chiuso per l’ennesima volta il tratto stradale, tutto il territorio, ma principalmente i comuni di Joppolo e Nicotera, ne risentirebbero economicamente con conseguenti danni a tutte le attività commerciali e a tutti quei lavoratori che viaggiano per raggiungere il posto di lavoro nella zona costiera nord. Un territorio in cui lo stato di abbandono regna sovrano e dove nessuno vigila sui lavori effettuati per garantire l’effettiva realizzazione a regola d’arte».

Informazione pubblicitaria

Da qui l’invito, da parte dell’esponente della Lega, ai sindaci affinché sollecitino l’Anas, «che ha preso in gestione il tratto stradale, ad ultimare al più presto i lavori di messa in sicurezza del costone in modo da scongiurare danni a cose ma soprattutto a persone. Mi attiverò inoltre per portare ancora una volta il problema della viabilità vibonese – conclude Macrì – all’attenzione dei nostri rappresentanti istituzionali romani».