Nuovo ospedale, il Meetup vibonese chiede lumi all’Asp

Si è tenuto nei giorni scorsi un incontro con i direttori dell’Azienda sanitaria Caligiuri, Miceli e Procopio, inerente l’iter di realizzazione del nuovo presidio. Soddisfatti gli attivisti

Si è tenuto nei giorni scorsi un incontro con i direttori dell’Azienda sanitaria Caligiuri, Miceli e Procopio, inerente l’iter di realizzazione del nuovo presidio. Soddisfatti gli attivisti

Informazione pubblicitaria

Nella giornata di mercoledì 25 gennaio, alcuni attivisti del Meetup “Vibonesi in Movimento – Amici di Beppe Grillo”, sono stati accolti dai vertici dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Vibo Valentia, nelle persone del Direttore generale Angela Caligiuri, del Direttore sanitario Michelangelo Miceli e del Direttore amministrativo Francesco Procopio. 

A riferirlo, in una nota, sono gli stessi attivisti i quali mettono l’accento, in particolare, sul percorso perseguito, in questi anni, «nell’attuazione del nuovo presidio ospedaliero di Vibo Valentia. Nonostante gli ostacoli che si sono manifestati nella fase iniziale della realizzazione di esso, i dirigenti hanno superato, ad oggi, tutte le difficoltà presentatesi durante il loro lavoro». 

Gli stessi, riferiscono i simpatizzanti Cinquestelle, «con molta determinazione hanno affermato di essere pronti nuovamente a fronteggiare qualsiasi tipo d’intoppo che si dovesse presentare sul loro cammino, anche durante le loro conferenze dei servizi, con il solo fine di offrire all’intera collettività un ospedale rispondente ai bisogni dei cittadini». 

Quindi l’auspicio che «risolto il problema dei metalli pesanti nel terreno, delle centinaia di migliaia di metri cubi di terra da sbancare e dopo due pose di prime pietre», nei prossimi due anni si riesca ad «aprire il primo cantiere. Ci hanno confermato – continuano gli attivisti riferendosi ai dirigenti dell’Asp – il trasferimento dei reparti Oncologia e Urologia a Vibo Valentia, mentre gli Hospice si faranno nelle strutture che rimarranno vacanti a Tropea. Inoltre, si sono dimostrati disposti ad accettare la collaborazione tra cittadini appartenenti alle diverse ideologie politiche, pur di raggiungere un obiettivo comune». 

Soddisfazione è stata quindi espressa per l’incontro, assicurando «nell’attesa dell’invio del progetto preliminare da parte del Direttore amministrativo Procopio», che il Meetup continuerà a «supervisionare il proseguo dei lavori, sollecitando la realizzazione di questo “fatidico” progetto».