Arresto di Gianluca Callipo, si dimette l’assessore di Pizzo Pasquale Marino

Prime conseguenze politiche a seguito dell’operazione Rinascita-Scott che ha portato all’esecuzione di 334 misure cautelari tra politici, imprenditori ed esponenti delle cosche vibonesi
Prime conseguenze politiche a seguito dell’operazione Rinascita-Scott che ha portato all’esecuzione di 334 misure cautelari tra politici, imprenditori ed esponenti delle cosche vibonesi
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Prime conseguenze politiche a seguito dell’operazione Rinascita-Scott, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro diretta dal procuratore capo Nicola Gratteri, che ha portato all’esecuzione di 334 misure cautelari e a 416 indagati. Tra gli arrestati anche il sindaco di Pizzo Gianluca Callipo. Ed è proprio l’assessore comunale napitino, Pasquale Marino (indagato), a fare un passo indietro rassegnando le sue dimissioni. «Comunico – afferma – di aver rassegnato le dimissioni irrevocabili di assessore all’urbanistica e consigliere comunale di Pizzo. Confido nella giustizia, sono certo che emergerà la verità processuale e la ricostruzione dei fatti. Nei prossimi giorni seguirà conferenza stampa, rimango in fiduciosa attesa che i coinvolti possono chiarire la loro posizione con la giustizia».

Informazione pubblicitaria