Ampliamento del cimitero di Vibo, Piro: «Grazie a quanti si sono prodigati veramente»

L’ex consigliere comunale accoglie con soddisfazione i previsti interventi mettendo in evidenza il ruolo svolto dai singoli esponenti di Palazzo Luigi Razza

L’ex consigliere comunale accoglie con soddisfazione i previsti interventi mettendo in evidenza il ruolo svolto dai singoli esponenti di Palazzo Luigi Razza

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

L’ampliamento del cimitero di Vibo Valentia si farà. «Sulla questione si registra l’interessamento dell’assessore comunale al ramo Loredana Pugliese e degli uffici comunali competenti. Ma è vero tutto questo?». A porsi l’interrogativo è Mariano Piro, già consigliere comunale e tra i promotori del comitato Pro-Cimitero, che si è rivolto al sindaco Elio Costa per focalizzare quella che si potrebbe definire un’“operazione verità”.

Informazione pubblicitaria

«Signor sindaco – scrive Piro – come lei ben sa, questo risultato si è potuto raggiungere grazie al Suo interessamento, al mio ed a quello del comitato Pro-Cimitero di Vibo Valentia che inizialmente, dopo tante discussioni ed opere di sensibilizzazione, ha coinvolto l’opinione pubblica raccogliendo circa duemila firme in una petizione popolare. Ed oggi, grazie all’intervento di tanti cittadini e dell’intero consiglio comunale, si potranno realizzare quelle opere che consentiranno l’edificazione di 400 loculi e di 68 lotti per edicole funerarie, a costi inferiori, rispetto a quanto era stato previsto con il “Project Finance”».

Lo scopo di Piro che, da ex consigliere comunale spiega di aver «affrontato con molta energia le problematiche attinenti il cimitero della nostra città», è quello di ringraziare «quanti hanno lavorato “veramente” e si sono interessati fattivamente per risolvere l’annoso problema delle aree cimiteriali».

Quindi l’“elenco” che comprende «Francescantonio Tedesco, presidente della seconda commissione consiliare (urbanistica) nella quale dopo tante discussioni, abbiamo trovato quelle soluzioni che hanno consentito di poter affrontare e prevedere quanto si potrà oggi realizzare per l’ampliamento del cimitero di Vibo città. In secondo luogo, ringrazio Piero Iannello presidente del comitato Pro-Cimitero di Vibo Valentia e tutti i promotori del comitato che, insieme agli organi di stampa e alle varie televisioni locali, hanno sostenuto le varie iniziative intraprese per sensibilizzare l’opinione pubblica». Quindi la riconoscenza di Piro va al «presidente della prima commissione consiliare Giuseppe Muratore e al presidente della terza commissione (Lavori Pubblici) Filippo Lo Schiavo che, insieme all’attuale assessore al ramo Lombardo Lorenzo e all’ex assessore Alessandria, hanno predisposto il nuovo progetto del cimitero di Vibo. Inoltre, si ringraziano anche i presidenti della quarta e quinta commissione consiliare Gregorio Polistina e Sabatino Falduto, che hanno dato un valido contributo a tutto il dibattito sulle aree cimiteriali».

C’è tempo, nell’intervento di Piro per citare ancora, in quanto «sempre disponibili e vicini alle tematiche che interessano il cimitero», l’assessore all’Ambiente Antonio Scuticchio, i dirigente Filippo Nesci e Adriana Teti e, indistintamente, tutti i consiglieri comunali della città di Vibo Valentia. Tutti insieme siamo riusciti dopo tanto tempo e varie discussioni, a dare una risposta concreta alla nostra città. Insieme al comitato Pro-Cimitero – assicura infine -, continuerò a vigilare su quanto si andrà a fare, verificando anche i criteri di assegnazione dei lotti di terreno per edificare le nuove edicole funerarie. Auguriamoci ora che anche la strada che porta al cimitero, i viali interni alle aree cimiteriali, l’impianto elettrico e le perdite d’acqua esistenti, possano essere sistemati in tempi brevi».