Taglio dei costi della politica regionale, Lo Schiavo plaude a Callipo

Il candidato consigliere di Io resto Calabria evidenzia come alla «giusta battaglia sulla riduzione dei privilegi» debba però accompagnarsi «l’innalzamento della qualità della politica»
Il candidato consigliere di Io resto Calabria evidenzia come alla «giusta battaglia sulla riduzione dei privilegi» debba però accompagnarsi «l’innalzamento della qualità della politica»
Informazione pubblicitaria
Antonio Lo Schiavo (Progressisti per Vibo)

«Fa bene il candidato alla presidenza della Regione per il centrosinistra Pippo Callipo a focalizzare l’attenzione sul tema del taglio ai costi della politica e della riduzione dei privilegi di cui godono i consiglieri regionali. Per quanto mi riguarda colgo la sua sfida e prendo pubblicamente l’impegno, se eletto, a farmi promotore e a sostenere ogni iniziativa legislativa che porti a ridurre quei veri e propri lussi che ancora albergano a Palazzo Campanella». È quanto afferma il candidato al consiglio regionale nel collegio centro con la lista “Io resto in Calabria” Antonio Lo Schiavo, che aggiunge: «In una fase storica in cui larghe fasce della popolazione calabrese si trovano a fare i conti con la mancanza di lavoro e una crisi economica sempre più stringete, anche la politica deve dare l’esempio, rivedendo i benefici che derivano dalla posizione di consigliere regionale. Alle giuste politiche di riduzione dei costi, dunque, è necessario che si accompagni anche l’innalzamento del livello della qualità dell’azione politica che viene portata avanti in consiglio regionale. Si punti di più su competenze e merito e soprattutto sul conseguimento dei risultati. La Calabria sarà chiamata nei prossimi anni a competere da sola nello scenario nazionale e internazionale e avrà bisogno di una classe politica all’altezza della sfida della modernità».