Concorso al Comune di Mileto, il sindaco Giordano: «Procedure trasparenti»

Il primo cittadino replica all’esponente d’opposizione Vincenzo Scopelliti: «Polemica sterile tesa a bloccare un’iniziativa importante»
Il primo cittadino replica all’esponente d’opposizione Vincenzo Scopelliti: «Polemica sterile tesa a bloccare un’iniziativa importante»
Informazione pubblicitaria
Il Comune di Mileto e nel riquadro Giordano
Informazione pubblicitaria

Non si fa attendere la replica del sindaco di Mileto Natino Giordano, riguardo le pesanti accuse rivoltegli ieri dall’esponente d’opposizione “Insieme per crescere” Vincenzo Scopelliti, sul tema del concorso pubblico per titoli ed esami indetto nel novembre scorso dall’Amministrazione comunale per l’assunzione di un istruttore dei servizi tecnici da utilizzare nell’area Lavori pubblici e Tecnico-Manutentiva. Il capogruppo di minoranza ha espresso forti critiche sul fatto che al bando possono partecipare solo coloro che sono in possesso di un diploma di geometra. Una sostanziale preclusione ad ingegneri e architetti, che di fatto oggi non esiste, a parere del primo cittadino. «Il tutto – sottolinea, infatti, Giordano – è stato ampiamente chiarito in un incontro tenutosi, ancor prima che venisse presentata l’interrogazione del consigliere Scopelliti, con il presidente degli ingegneri della Provincia di Vibo Valentia, che, in seguito, ha ritenuto di presentare un’istanza congiunta con il presidente provinciale degli architetti. Tant’è che, di fronte ad una semplice difficoltà interpretativa della determina di indizione del concorso, si è convenuto, proprio per non lasciare spazio ad alcun dubbio, e consentire la partecipazione degli aventi diritto, di specificare che anche gli ingegneri e gli architetti, in quanto titoli “assorbenti” la qualifica di geometra, possano partecipare al detto concorso.  Del resto – aggiunge – questa Amministrazione non avendo posizioni da garantire, ma avendo come obiettivo solamente di dotare la “pianta organica” di dipendenti capaci, ha immediatamente provveduto alla rettifica, dando ulteriore tempo per la presentazione delle domande, prorogandolo di quindici giorni».

Spiegato che, dopo gli opportuni accorgimenti, il caso si può dire, ormai, sostanzialmente risolto, il sindaco Giordano coglie a questo punto l’occasione per sottolineare la «bontà dell’operato» della sua Amministrazione. In particolare, per rimarcare l’efficienza dell’azione intrapresa dalla maggioranza da quando questa si è insediata, «che anziché perdersi in polemiche, affronta i problemi lasciati da altri sul tavolo, con tenacia e grande trasparenza, avendo come unico obiettivo l’interesse comune, che in questo caso coincide con l’aver creato le condizioni per una migliore organizzazione della macchina amministrativa e aver dato la possibilità a tre giovani professionisti  di vincere un posto di lavoro e dare il proprio contributo per la crescita della nostra comunità. E non ci fermeremo qui, visto che nel 2020 abbiamo in programma di trasformare il rapporto part time in quello a tempo pieno e di indire nuovi concorsi in altre qualifiche. Probabilmente – prosegue, ritornando alle critiche espresse dal capogruppo di “Insieme per crescere” – queste polemiche sterili si muovono in senso contrario, cercando di bloccare o quantomeno di mettere in cattiva luce iniziative importanti, come quella dei concorsi pubblici, che servono a rendere più efficiente la macchina amministrativa». La presa di posizione del primo cittadino di Mileto si conclude con l’augurio a tutti i candidati «di affrontare con serenità i concorsi indetti dal Comune», e con la rassicurazione che questi «saranno concorsi veri, che si svolgeranno nella massima trasparenza e che premieranno il merito a esclusivo vantaggio e con ricadute positive sull’attività amministrativa».

Informazione pubblicitaria