Vibo, il Pd perde pezzi: Russo trasloca nel gruppo misto

Dopo la campagna elettorale pro-Udc l’esponente consiliare lascia i democratici, che restano solo in quattro al Comune capoluogo
Dopo la campagna elettorale pro-Udc l’esponente consiliare lascia i democratici, che restano solo in quattro al Comune capoluogo
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
L'ex assessore all'Ambiente Giuseppe Russo

Non ha aspettato provvedimenti “disciplinari”, ha fatto i bagagli e se n’è andato prima. Il consigliere comunale Giuseppe Russo, eletto nella lista Vibo Unica alle amministrative del 2019 e dall’inizio confluito nel gruppo del Partito democratico, lo ha lasciato per trasferirsi nel misto, divenendone capogruppo. La notizia era nell’aria ed il passaggio era diventato inevitabile data l’aperta campagna elettorale condotta da Russo a favore non del suo partito ma di un candidato alle regionali dell’Udc, il sindaco di Capistrano Marco Martino. Un passaggio che indebolisce ancora di più un partito che a Vibo continua a perdere pezzi malgrado professi il contrario. A Palazzo Luigi Razza sono rimasti ormai in quattro: Stefano Luciano, Stefano Soriano, Azzurra Arena e Marco Miceli, con quest’ultimo che, seppur in sintonia con gli altri nella giornata di ieri, non viaggia proprio sulla stessa lunghezza d’onda di Luciano & Co. Da sei iniziali, quindi, sono ora quattro i consiglieri del Partito democratico, perché già prima di Russo si era persa per strada la poltrona di Alfredo Lo Bianco, il quale, a seguito dell’arresto nell’operazione Rinascita, è stato surrogato da Laura Pugliese che ha deciso di aderire a Vibo Unica accanto a Giuseppe Policaro e non al Pd.

Informazione pubblicitaria