Salassi al Comune, Vibo Unica: «La buona politica intervenga subito»

Policaro e la Pugliese: «La Regione non può far piovere queste “tegole” su enti in dissesto. Ora vedremo la bontà del Piano di riequilibrio»
Policaro e la Pugliese: «La Regione non può far piovere queste “tegole” su enti in dissesto. Ora vedremo la bontà del Piano di riequilibrio»
Informazione pubblicitaria
Laura Pugliese e Giuseppe Policaro
Informazione pubblicitaria

«Sono tegole ad orologeria. Una cosa inaccettabile». Il gruppo consiliare Vibo Unica si scaglia contro la burocrazia regionale che, giusto per stare al solo Comune di Vibo Valentia, ha fatto recapitare di recente un conguaglio per i rifiuti relativo alle annualità 2016/2017 di 1,1 milioni di euro. A questo bisogna aggiungere un debito che l’ente aveva, sempre con la Regione, per fatture di acqua non pagate dal 1981 al 2004, per il  quale deve saldare oltre tre milioni di euro.

La sollecitazione del gruppo consiliare d’opposizione, costituito da Giuseppe Policaro e Laura Pugliese, è quindi rivolta alla politica: «Se non dovesse esserci una forte presa di posizione sull’argomento da parte della buona politica, i conti degli enti locali saranno destinati a saltare perché i debiti, ovviamente, non potranno che comportare l’aumento delle tariffe e, quindi, essere richiesti ai cittadini già gravati da spese pro-capite elevatissime e con servizi giudicati approssimativi ed insoddisfacenti».

Secondo Vibo Unica, inoltre, non è corretto scaricare queste tegole sulla burocrazia comunale, «oramai ridotta a lumicino», perché «si è in attesa di conoscere l’andamento attuale dei conti – essendo oramai decorsi sei mesi dall’approvazione del Piano di riequilibrio varato nel mese di agosto – e, soprattutto, dell’efficacia o meno delle misure delineate che prevedevano e prevedono una serie di “virtuose misure ed attività” da mettersi immediatamente in campo sulle quali, si auspica, possano aver inciso concretamente, e non in termini di astrattezza, i componenti dell’attuale Giunta, per un compito, per la verità assai gravoso, che presupporrebbe una presenza concreta, assidua e costante, anche di supporto e di indirizzo, agli uffici comunali (soprattutto quello dei tributi) che certamente non possono essere lasciati da soli in un momento assai delicato per la sopravvivenza finanziaria dell’Ente».

Da qui l’auspicio di una vicinanza della nuova amministrazione regionale: «Speriamo che giunga politico supporto dalla neo proclamata presidente della Regione, Jole Santelli, a sostegno dei conti degli enti locali calabresi, Vibo inclusa, attraverso misure atte a dar respiro alla tenuta degli enti raggiunti subito dopo elezioni da conguagli assolutamente insostenibili ed inaccettabili per i cittadini».

Informazione pubblicitaria