Nicotera, chiesto un Consiglio comunale da tenersi in via telematica

L’idea del gruppo consiliare Movi@Vento al fine di riattivare gli istituti democratici nel periodo emergenziale per via del coronavirus
L’idea del gruppo consiliare Movi@Vento al fine di riattivare gli istituti democratici nel periodo emergenziale per via del coronavirus
Informazione pubblicitaria
Il Comune di Nicotera
Informazione pubblicitaria

Il gruppo consiliare Movi@Vento, al pari del sindaco e degli altri consiglieri comunali, segue con comprensibile apprensione l’evolversi dell’attuale epidemia in Italia e, in particolare, nei nostri territori. Così come, dalla pagina istituzionale e dalla stampa, si aggiorna sulle azioni e i provvedimenti assunti dall’amministrazione nicoterese volti in questo momento soprattutto a dare sostegno e sollievo alle fasce più deboli della nostra comunità in collaborazione con le organizzazioni del volontariato. Pur apprezzando tutto ciò che viene messo in campo e consapevoli delle oggettive difficoltà di operare per i numerosi vincoli gravanti sulla mobilità, ciò non pertanto  noi sottoscritti consiglieri riteniamo necessario ed urgente che vengano riattivati ​​gli istituti democratici comunali a partire dal massimo organo che è il consiglio comunale al fine di analizzare la situazione attuale nei suoi vari aspetti utilizzando tutti i canali comunicativi con le altre istituzioni, (Regione, Provincia, Asp, ecc.), per scambiarsi informazioni, formulare interrogazioni ed elaborare proposte condivise di intervento, tutte tese ad alleviare nei limiti del possibile i disagi della popolazione che, alla luce delle proroghe che si prospettano per i provvedimenti già emanati, non potranno che aggravarsi.

Consapevoli altresì delle difficoltà di convocare la massima assise comunale, sia per l’impossibilità di garantire la pubblicità delle sedute, sia per la giustificata assenza attuale della segretaria comunale, riteniamo però che si possa quantomeno promuovere un incontro virtuale dei gruppi presenti in Consiglio, utilizzando gli strumenti telematici disponibili che ben stanno già supplendo ai metodi tradizionali, come è dimostrato ogni giorno a tutti i livelli politico-amministrativi. Confidiamo pertanto nell’accettazione di questa proposta, che riteniamo importante anche dal punto di vista socio-psicologico perché darebbe un segnale di unità e vicinanza alla nostra comunità, mitigandone il senso di solitudine e di spaesamento. Pertanto, pur nel rispetto delle reciproche visioni politiche e amministrative, ma nell’unico interesse del territorio, offriamo la nostra disponibilità ad ogni forma di collaborazione costruttiva attraverso incontri virtuali tra tutti i consiglieri, finalizzati a mettere in campo una strategia condivisa che si traduca in quelle azioni urgenti e indifferibili che verranno insieme individuate”.

La richiesta è stata avanzata dai consiglieri del gruppo Movi@Vento, Antonio D’Agostino,Maria Adele Buccafusca e Salvatore Pagano

Informazione pubblicitaria