Buoni spesa coronavirus, consegna in tempi record a Mileto

Nel giro di cinque giorni il Comune ha messo a punto la procedura, stipulato le convenzioni e recapitato i primi titoli a circa 250 aventi diritti. Attivato un conto corrente per ulteriori donazioni
Nel giro di cinque giorni il Comune ha messo a punto la procedura, stipulato le convenzioni e recapitato i primi titoli a circa 250 aventi diritti. Attivato un conto corrente per ulteriori donazioni
Informazione pubblicitaria
Domande per buoni spesa al vaglio degli amministratori
Informazione pubblicitaria

Consegna in tempi da record, sul territorio comunale di Mileto, dei buoni alimentari previsti dall’ordinanza della Protezione civile “Covid 19”. Ieri, a pochi giorni dall’accredito delle somme, il sindaco Salvatore Fortunato Giordano e il suo entourage hanno provveduto a distribuire agli aventi diritto i relativi bonus, «applicando in pieno la vera “ratio legis” insita delle norme da poco emanate».

Le domande presentate e finora prese in considerazione sono state 250. Altre se ne attendono per giungere all’esaurimento dei circa 65mila euro messi a disposizione dal Governo. Il Comune ha attivato anche un conto corrente dedicato, al fine di raccogliere ulteriori fondi da mettere a disposizione delle famiglie in difficoltà per l’emergenza coronavirus.

«Essere riusciti in soli 5 giorni a consegnare i buoni spesa, con criteri oggettivi e trasparenti – sottolinea il sindaco di Mileto – è per noi motivo di orgoglio e ulteriore dimostrazione di efficienza. Lo strumento del Buono spesa è nato per dare un aiuto immediato ai cittadini che per via della crisi economica determinata dall’emergenza coronavirus sono rimasti senza liquidità. Pertanto il Comune di Mileto ha stabilito determinati criteri di liquidità, come principio per l’accesso ai buoni. Sulla base di ciò si è proceduto a stipulare le convenzioni con vari esercizi commerciali. Quindi, sono stati realizzati gli avvisi e i modelli di domanda che, grazie a un gruppo di volontari, sono stati recapitati a domicilio, con tanto di aiuto alle persone per la loro compilazione. Con tale metodo si è evitato qualsiasi assembramento presso la sede comunale, in pieno ossequio delle norme restrittive in vigore».

La riuscita dell’operazione, così come spiega il primo cittadino di Mileto, si deve proprio a questo gruppo di volontari, «che sin dall’inizio dell’emergenza Covid-19 ha risposto generosamente al nostro invito, prodigandosi nell’assistenza alle persone in difficoltà con i servizi gratuiti a domicilio per la spesa e l’acquisto di medicine, con la distribuzione di beni alimentari sulla falsariga del Banco alimentare e con la distribuzione capillare di oltre 4 mila mascherine offerte da una ditta di Mileto». Esperienze solidali positive, «che hanno permesso al Comune di trovarsi già pronto e preparato per l’erogazione dei buoni spesa alimentari».

Informazione pubblicitaria