Tropea, la maggioranza regge: il sindaco Rodolico torna in “pista”

Dopo la sentenza del Tar che annulla lo scioglimento lo schieramento di ricompatta e attende il varo della nuova Giunta. Ecco chi ne farà parte. Fuori Maria Stella Vinci che annuncia: «Darò il mio contributo da semplice consigliere»

Dopo la sentenza del Tar che annulla lo scioglimento lo schieramento di ricompatta e attende il varo della nuova Giunta. Ecco chi ne farà parte. Fuori Maria Stella Vinci che annuncia: «Darò il mio contributo da semplice consigliere»

Informazione pubblicitaria
Il Comune di Tropea

Per effetto della sentenza del Tar che ha dichiarato immotivato lo scioglimento del consiglio comunale di Tropea per infiltrazioni mafiose (avvenuto nel mese di agosto dello scorso anno), il consiglio comunale è stato reintegrato nelle sue funzioni. Si riparte, quindi, con il sindaco Giuseppe Rodolico che lavora per rimettere insieme una maggioranza che poco prima del provvedimento del Governo si era sfaldata. Obiettivo che sembra essere stato raggiunto mediante un rimpasto di Giunta.

‘Ndrangheta: il Tar del Lazio annulla lo scioglimento del Comune di Tropea

Il nuovo esecutivo, oltre alle fedelissime Rosalia Rotolo e Romana Lorenzo, vedrà l’ingresso delle “new entry” Sandro D’Agostino e Domenico Tropeano (già assessore e dimessosi nella primavera del 2016 per contrasti con il primo cittadino).

Una Giunta dalla quale resterà fuori l’ex assessore Maria Stella Vinci, che, probabilmente, sconta la decisione di non aver voluto firmare il ricorso avverso allo scioglimento del civico consesso presentato ai giudici amministrativi da Rodolico, Lorenzo e Rotolo. 

L’ex assessore si è comunque espressa a favore dell’unità d’intenti della precedente maggioranza. «Alla luce di quanto avvenuto e tenuto conto della particolare situazione in cui versa Tropea – ha detto -, vi è la necessità di lavorare all’unisono e mettere in campo una stagione di buon governo. Tropea è una delle realtà italiane più importanti dal punto di vista turistico, una città nobile e ricca di storia. Polo di eccellenza della nostra provincia, nonché centro di attrazione di tutta la regione. Una città che merita di essere governata. Per tale ragione sosterrò l’azione amministrativa del sindaco Rodolico». 

Tar annulla scioglimento del Comune di Tropea, il sindaco Rodolico: «Giustizia è fatta»

Oggi, scrive la Vinci, «si apre una nuova fase politica di cruciale importanza. E’ per questo che il mio alto senso di responsabilità mi spinge a dichiarare pubblicamente la ferma convinzione che sia necessario un rilancio dell’amministrazione Rodolico, e pertanto ogni consigliere comunale deve spendersi per continuare a dare un’amministrazione alla città. Per il bene di Tropea e dei tropeani, che mi hanno spinto a mettermi in campo tre anni fa, oggi ritengo che l’impegno non vada fatto mancare. Per questi motivi sosterrò l’esperienza per la quale mi sono candidata, svolgendo a pieno il mio ruolo istituzionale da semplice consigliere comunale di maggioranza». 

Ancora, per l’esponente Pd, «il tempo dei tatticismi, del confronto esasperato e degli equilibrismi interni alla maggioranza va chiuso rapidamente voltando pagina ed assicurando a Tropea impegno e lealtà. E’ tempo di rimboccarsi le maniche per rilanciare Tropea, tralasciando le personali ambizioni politiche».

«Tropea era pulita», gli operatori turistici festeggiano la revoca del commissariamento