Avviata la manutenzione degli immobili di edilizia popolare a Vibo, i Gd: «Passo in avanti»

Soddisfazione viene espressa da Monteleone e Di Bartolo, esponenti dell’organizzazione giovanile del Pd, e dal capogruppo dem Russo: «A due mesi dalla nostra segnalazione, il Comune ha iniziato a rimuovere i tetti in eternit»

Soddisfazione viene espressa da Monteleone e Di Bartolo, esponenti dell’organizzazione giovanile del Pd, e dal capogruppo dem Russo: «A due mesi dalla nostra segnalazione, il Comune ha iniziato a rimuovere i tetti in eternit»

Informazione pubblicitaria
Gli interventi edili a Vibo

Nei mesi scorsi, gli esponenti dei Giovani democratici, Eduard Monteleone e Giovanni Di Bartolo, insieme al capogruppo del Pd in consiglio comunale a Vibo Valentia, Giovanni Russo, hanno effettuato una ricognizione nelle periferie della città e «hanno avuto modo di constatare la condizione di estrema precarietà di una parte dei complessi di edilizia popolare».

Da qui la decisione di presentare, «grazie alla disponibilità e all’attenzione del capogruppo del Pd, un’interrogazione al sindaco Elio Costa per chiedere d’intervenire su questa situazione. Grazie all’interrogazione presentata – sostengono ora Monteleone e Di Bartolo -, l’amministrazione comunale si è attivata per quanto nelle sue possibilità per effettuare i primi interventi atti a sostituire i tetti in eternit».

Edilizia popolare fatiscente a Vibo, il Pd prepara interrogazione al sindaco Costa

Il capogruppo Russo, da parte sua, ringrazia l’assessore ai Lavori pubblici Lorenzo Lombardo per «essersi subito dato da fare sull’argomento posto alla sua attenzione». In tal senso i Giovani democratici esprimono ancora «soddisfazione per il risultato raggiunto, in quanto oggi, a distanza di due mesi dal nostro interessamento, sono stati avviati i primi lavori di manutenzione. È un piccolo passo in avanti verso il miglioramento delle condizioni della nostra comunità, il segnale che i Gd vogliono lanciare di una politica che può e deve trovare risposte ai problemi dei cittadini, a prescindere dalle appartenenze».