Comune Vibo, il Movimento 5 Stelle chiede lo stop delle commissioni

Lettera al presidente del Consiglio Putrino: «Negata la possibilità alle minoranze di partecipare in videoconferenza»
Lettera al presidente del Consiglio Putrino: «Negata la possibilità alle minoranze di partecipare in videoconferenza»
Informazione pubblicitaria
Domenico Santoro

Il gruppo del Movimento 5 Stelle al Comune di Vibo Valentia chiede lo stop delle commissioni consiliari. Il motivo: la mancata attivazione della videoconferenza per partecipare alle sedute da remoto. Il gruppo guidato da Domenico Santoro ha scritto una pec al presidente del civico consesso, Rino Putrino, per sollecitare la questione, «stanco della melina realizzata dalla maggioranza».

«A nome del gruppo consiliare del M5S – si legge nella lettera – le chiediamo di fermare lo svolgimento delle commissioni consiliari senza la partecipazione delle minoranze ed in particolare del nostro gruppo che ha richiesto espressamente la facoltà di partecipazione in remoto in videoconferenza. Le chiediamo di realizzare un suo atto monocratico, vista la situazione straordinaria dell’epidemia, per far svolgere tutte le riunioni politiche comunali anche in forma remota. La riterremo responsabile – attacca Santoro – se da domani lei non ci darà la possibilità di partecipare democraticamente attraverso uno strumento agile, moderno e democratico quale è la videoconferenza».