martedì,Maggio 18 2021

Strada chiusa fra Mileto e Dinami, incontro con la Provincia

Impegni del presidente Salvatore Solano e del sindaco Salvatore Giordano. Ecco gli interventi previsti per i prossimi due anni al fine di collegare lo svincolo autostradale alla Fondazione di Natuzza

Strada chiusa fra Mileto e Dinami, incontro con la Provincia

Non solo 250mila euro per la riapertura a regime ridotto del tratto San Giovanni-svincolo autostradale della Mileto-Dinami, ma anche 35mila euro per la realizzazione di marciapiedi e illuminazione negli ultimi 300 metri di strada che portano all’ingresso principale della Fondazione “Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime” di Paravati. Entrambi i lavori dovrebbero iniziare già nel prossimo mese di settembre. Questo l’annuncio fatto dal presidente della Provincia di Vibo Valentia Salvatore Solano, nel corso della conferenza indetta a Palazzo dei normanni dal sindaco di Mileto Salvatore Fortunato Giordano, proprio per fare il punto della situazione e illustrare i dettagli del primo dei due progetti.[Continua]

I due finanziamenti provengono da “economie di lavori precedentemente effettuati” dall’amministrazione provinciale. Per quanto riguarda il tratto della Mileto-Dinami, chiuso dal lontano 2009, i lavori permetteranno agli automobilisti di percorrerla al limite massimo di 50 km orari. Per il completo ritorno alla normalità servirebbero altri 150-200 mila euro. Da qui la promessa del presidente Solano, che anche questo ulteriore intervento “entro i prossimi due anni sarà portato a compimento. Io mi sento più che altro il “sindaco dei sindaci” – ha spiegato l’inquilino di Palazzo ex Enel – e in questa ottica cerco di andare incontro a tutti, pur nella situazione di crisi finanziaria che ci portiamo dietro da anni. Per quanto riguarda Mileto, realtà sede di diocesi e tra le più importanti della provincia, questa di oggi è la dimostrazione che quando si incontrano volontà politica e unità di intenti i risultati si ottengono. Detto ciò, stiamo portando avanti una programmazione di interventi su tutto il territorio provinciale, sino al 2023.

Il progetto da attuarsi nell’ambito del Cis (Contratto istituzionale di sviluppo) prevede l’utilizzo di un miliardo e 300 milioni euro, non per fare cattedrali nel deserto. Tra le idee – ha aggiunto – quella di un percorso turistico-religioso straordinario, che abbraccia cento chilometri di strada da fare in cinque giorni, con tanto di pernottamento come nel caso di Santiago di Compostela. E, questo, nella convinzione che il nostro patrimonio non è rappresentato solo dalla costa degli dei, ma anche dalle tante bellezze dell’entroterra che meritano di essere valorizzate e collegate con progetti infrastrutturali”.​ Un pensiero è andato, poi, dal presidente della Provincia all’eventuale approvazione del bilancio e alla conseguente uscita dal dissesto dell’ente. In quel caso, si potrebbe far affidamento anche “sui circa 20 milioni di euro di fondi vincolati e oggi inutilizzabili”. Infine, un ragguaglio sulla recente frana verificatasi al km 1,8 della stessa Mileto-Dinami, oggi anch’essa interdetta al traffico veicolare. Ho chiesto lo stato di calamità naturale alla Protezione civile – ha spiegato – in modo che si possa intervenire e sistemare anche questa criticità”. In precedenza, a prendere la parola era stato il sindaco Giordano, il quale aveva sottolineato la sinergia in atto tra Provincia, Comune e comitato civico sorto anni fa proprio per perorare la riapertura della Mileto-Dinami e il fatto che il ripristino del tratto San Giovanni-Uscita A2 si basa “su un vecchio progetto rimasto solo a livello d’intenti e senza alcun riscontro finanziario”.

Quindi, il ringraziamento all’esponente dell’opposizione consiliare al Comune di Mileto, Gianfranco Mesiano, presente all’incontro e resosi disponibile, in qualità di ingegnere, a collaborare alla realizzazione del progetto con il geometra del settore viabilità della Provincia Francesco Tulino. E, ancora, il viaggio a ritroso a un anno fa, “al primo incontro con il presidente Solano e alla recente pubblicazione del bando provinciale per l’aggiudicazione dei lavori”. Tra gli interventi, quello dello stesso Tulino, il quale ha espresso soddisfazione per l’attuazione di due progetti “che riguardano proprio il mio territorio di nascita”. Presenti alla conferenza, tra gli altri, il vicesindaco Domenico Pontoriero, gli assessori Rosa Alba Gangemi, Fortunata Dimasi e Fortunato Zoccoli, il segretario generale Marina Petrolo e rappresentanti del comitato civico. Al termine dell’incontro, i partecipanti si sono recati per un sopralluogo, dapprima sui tratti interessati della Sp 10 e poi all’esterno della Fondazione sorta anni fa su input della serva di Dio Natuzza Evolo.​ Tra una perlustrazione e l’altra, il cordiale incontro tra il presidente Solano e il parroco di Paravati don Domenico Muscari, entrambi di Stefanaconi.

top