Via Almirante a Vibo, Wanda Ferro: «La città ricorderà grande patriota»

Soddisfazione anche dai dirigenti di Riva destra, che ha avanzato la proposta: «Intitolargli una strada rafforza la necessità di una pacificazione nazionale»
Soddisfazione anche dai dirigenti di Riva destra, che ha avanzato la proposta: «Intitolargli una strada rafforza la necessità di una pacificazione nazionale»
Informazione pubblicitaria

«Sono felice per il voto favorevole in commissione Urbanistica sulla proposta avanzata dal movimento Riva Destra di intitolare una via di Vibo Valentia a Giorgio Almirante, e davvero fatico a comprendere le polemiche sollevate da chi vorrebbe negare il ricordo di un leader politico che ha fatto parte per mezzo secolo delle istituzioni democratiche della nazione».

Vibo avrà “via Almirante”, disco verde in commissione Urbanistica

È quanto afferma la coordinatrice provinciale di Fratelli d’Italia di Vibo Valentia, Wanda Ferro, che prosegue: «Giorgio Almirante ha avuto il merito di guidare nelle istituzioni democratiche una comunità politica che proveniva dall’esperienza del fascismo, che ha sempre rifiutato il razzismo e si è sempre battuta per la difesa dell’identità nazionale e per la libertà. D’altro canto il valore di Giorgio Almirante fu sempre riconosciuto dai suoi avversari politici: è noto il suo rapporto di stima con Enrico Berlinguer o con uno storico dirigente come Gian Carlo Pajetta, che con Nilde Jotti il 22 maggio del 1988 si recò nella sede del Msi per rendere omaggio al feretro del leader missino. Parliamo di altra storia e di altri politici, capaci di rispettare il valore dell’avversario senza insultarlo o demonizzarlo, contrariamente ai loro epigoni. Grazie all’impegno di Fratelli d’Italia, che ha portato in aula la proposta, Vibo Valentia ricorderà un grande patriota, che ha lasciato non ad una parte politica ma all’intera nazione una testimonianza dei valori di onestà, coraggio, libertà e coerenza».

Vibo, «una via per Almirante»: e al Comune scoppia il putiferio

Soddisfazione, ovviamente, anche dagli esponenti di Riva destra Francesco Stinà, Francesco D’Agostino e Alessandro Ferrara, rispettivamente coordinatore regionale, provinciale e comunale, del movimento federato a Fratelli d’Italia, in una nota congiunta con il segretario nazionale Fabio Sabbatani Schiuma. Proprio Stinà, a nome di Riva destra, è stato il promotore della proposta.«In Italia ci sono più di 200 strade oramai intitolate al defunto leader del Movimento sociale italiano. Intitolarne una anche a Vibo Valentia rafforza la necessità di una pacificazione nazionale e rende onore a un uomo che, come ha ben detto la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, ha avuto il merito di avere accompagnato un’intera comunità politica, che nel dopoguerra aveva legame con l’esperienza fascista, pienamente nell’alveo del dibattito democratico e istituzionale della Nazione».

Una via per Almirante, insorgono Anpi e Fiom: «È apologia del fascismo»

«Esprimiamo grande soddisfazione – continua la nota – per l’approvazione della nostra proposta e ringraziamo il capogruppo di Fratelli d’Italia Antonio Schiavello per averla portata anche in seno al consiglio comunale e tutti i consiglieri di maggioranza, ma anche di opposizione, che in commissione Urbanistica hanno ieri dato parere positivo: ora attendiamo la conseguente delibera di giunta».

LEGGI ANCHE: Via Almirante a Vibo, Riva destra: «Ci sia anche per Berlinguer»
Una via per Almirante a Vibo, lo sdegno del Pd e l’aplomb di Grillo
Né Almirante né Berlinguer: la toponomastica è una cosa seria