domenica,Novembre 28 2021

Nuovo teatro, Mangialavori: «Risultato di azione sinergica»

Il plauso del consigliere regionale forzista all’amministrazione in carica, a quella precedente e al già senatore Franco Bevilacqua. «Sarà un fattore di crescita per il Vibonese» ha aggiunto.

Nuovo teatro, Mangialavori: «Risultato di azione sinergica»

«La consegna formale dei lavori alla ditta incaricata di eseguire il nuovo teatro cittadino va salutata con entusiasmo e soddisfazione. La realizzanda opera è destinata a ricoprire un ruolo importante per il futuro del Vibonese che risulta inoltre strategica per molteplici ragioni».

A dirlo è il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Mangialavori, intervenendo all’indomani della breve cerimonia di consegna dei lavori di quello che sarà il nuovo polo culturale della città e che dovrebbe vedere la luce tra circa due anni.

Diversi, per Mangialavori, i motivi di soddisfazione per il risultato raggiunto: «innanzitutto – afferma -, per il suo intrinseco valore e per le benefiche ricadute culturali. È innegabile, infatti, che ogni progetto di crescita della società tragga fondamento proprio dalla cultura. E il binomio teatro-cultura da sempre risulta efficace e vitale. L’intervento di edilizia pubblica avrà, altresì, effetti positivi anche sul piano economico ed occupazionale, visto il significativo investimento programmato».

Da Mangialavori arriva quindi «un plauso all’amministrazione comunale in carica e al sindaco Elio Costa che ha dato riscontro a una promessa politica con solerzia e puntualità; un segno evidente di buon governo e dinamismo costruttivo. Un ringraziamento anche alla precedente compagine di governo cittadino e, in ispecie all’ex sindaco Nicola D’Agostino che si è costantemente adoperato per superare innumerevoli problematiche e ostacoli, azione fondamentale per conseguire l’attuale risultato».

Infine, il consigliere regionale non dimentica «un doveroso sentimento di gratitudine nei confronti del senatore Franco Bevilacqua che reperì il finanziamento ottenuto dai Beni culturali, difeso poi dalle lungaggini burocratiche le quali hanno più volte messo a repentaglio il suo effettivo stanziamento. Un impegno sinergico e corale che ha evidentemente coinvolto più attori e che concretizza un risultato soddisfacente per l’intera comunità vibonese».

Articoli correlati

top