Comunali a Briatico, Vallone dice sì al confronto in piazza

L’incontro promosso da PerBriatico per far conoscere idee e programmi dei due schieramenti in campo. Si attende la risposta dell’altro candidato Massara
L’incontro promosso da PerBriatico per far conoscere idee e programmi dei due schieramenti in campo. Si attende la risposta dell’altro candidato Massara
Informazione pubblicitaria
Briatico, piazza IV Novembre
Piazza IV novembre a Briatico

L’idea è quella di mettere uno di fronte all’altro in un’iniziativa pubblica i due candidati alla carica di sindaco di Briatico Lidio Vallone e Costantino Massara. Al dibattito pubblico, promosso dal gruppo social PerBriatico, Vallone ha fatto sapere di essere disponibile. Si attende ora la risposta di Massara.

L’incontro, come spiegato dal portavoce del gruppo Giuseppe Conocchiella, vuole dare voce ai programmi delle due liste in campo. E non solo. Perché sono tante le domande che i cittadini vorrebbero rivolgere loro in vista dell’imminente tornata elettorale: dalla situazione economica in cui versa il Comune, al decoro urbano, passando per la viabilità, l’edilizia scolastica, i lavori pubblici e la riorganizzazione degli uffici per migliorare la macchina burocratica.

Si tratta di argomenti tanto cari alla comunità che sconta un lungo periodo di gestione commissariale: «È importante che gli elettori abbiano la possibilità di conoscere i candidati e i loro programmi. Per questo abbiamo pensato ad un confronto, moderato da un giornalista, incentrato su temi diversi. Il dottor Vallone ha accettato il nostro invito, adesso attendiamo la risposta del dottor Massara», evidenzia Conocchiella. L’incontro, se andrà in porto, verrà concretizzato all’aperto (piazza IV Novembre in pole) nel rispetto delle norme di distanziamento anticovid. Altro dibattito «potrebbe invece realizzarsi in un secondo momento coinvolgendo le candidate donne, per esempio Maria Teresa Centro e Giusy Staropoli Calafati o altri nomi. Sempre avendo come tema la città e i suoi problemi da affrontare», conclude Conocchiella.