domenica,Giugno 20 2021

Emergenza Covid, il sindaco di Vibo sotto accusa: «Atteggiamento immobilista»

I consiglieri comunali di minoranza invocano la convocazione di un Consiglio ad hoc e propongono la sospensione dei tributi comunali e delle strisce blu

Emergenza Covid, il sindaco di Vibo sotto accusa: «Atteggiamento immobilista»

Monta il disappunto, al Comune di Vibo Valentia, per la gestione dell’emergenza sanitaria da parte dell’Amministrazione comunale. Dopo le voci critiche che si sono levate dai partiti d’opposizione, che hanno stigmatizzato l’atteggiamento del primo cittadino, sono i consiglieri di minoranza ad invocare a gran voce la convocazione di un Consiglio comunale ad hoc.

«Preso atto dell’ennesimo atteggiamento immobilista assunto dall’Amministrazione comunale – scrivono LauraPugliese, PietroComito, LoredanaPilegi, LorenzaScrugli, StefanoSoriano, AzzurraArena, Domenico Santoro e StefanoLuciano – abbiamo richiesto, alla presidenza del Consiglio comunale, la convocazione di un Consiglio urgente con oggetto “l’Emergenza sanitaria”. Ciò – proseguono gli esponenti d’opposizione – al precipuo scopo di interrogare il sindaco circa le misure che intende mettere in campo per affrontare le decisive tematiche dell’emergenza sanitaria, della decretazione della “Zona rossa” e circa le motivazioni per le quali ha convocato solo con evidente ritardo l’Assemblea dei sindaci. Nonché con l’obiettivo di proporre all’Amministrazione comunale l’immediata sospensione dei tributi locali per tutte le attività colpite dal lockdown e la sospensione delle tariffe dei parcheggi a pagamento (le cosiddette strisce blu), oltre ad altre misure urgenti volte a sostenere concretamente il tessuto economico locale, indicando specificamente dove reperire, nel bilancio comunale, le necessarie risorse economiche».

“Terremoto” politico al Comune di Vibo: il sindaco revoca l’assessore Gaetano Pacienza

top