Politiche ambientali a Ionadi, Signoretta replica ad Arena: «Accuse ingenerose»

Per l’ex primo cittadino il suo successore «dimentica l’operato della precedente amministrazione e i finanziamenti ottenuti»

Per l’ex primo cittadino il suo successore «dimentica l’operato della precedente amministrazione e i finanziamenti ottenuti»

Informazione pubblicitaria
L'area interessata dalla bonifica
Informazione pubblicitaria

Non ci sta l’ex sindaco di Ionadi, Caterina Signoretta, ad essere tacciato di inerzia, soprattutto su temi delicati come la salute dei cittadini. E così, ha rilasciato un intervento con il quale risponde per le rime alle recenti affermazione del suo successore. 

Informazione pubblicitaria

Nei giorni scorsi, l’attuale primo cittadino Antonio Arena aveva fatto un resoconto delle attività ad oggi promosse in tema di salvaguardia dell’ambiente, lanciando delle, neppure tanto velate, accuse a chi lo ha preceduto. «Il sindaco Arena – chiarisce la Signoretta – dichiara che le due precedenti amministrazioni non hanno fatto nulla in merito alla caratterizzazione del suolo della discarica in località “Capramorta”. In effetti è vero, ma è opportuno anche dire perché. A me fa piacere che l’amministrazione stia lavorando per il bene del comune come è giusto che sia, e mi fa anche piacere sapere che ha iniziato le indagini sul sito della discarica, ma se oggi sta eseguendo questi lavori è grazie all’amministrazione Fialà di cui anch’io facevo parte (vicesindaco ed assessore all’Ambiente), che a suo tempo ha chiesto un finanziamento alla Regione Calabria di 15mila euro, oggi incassato e destinato alle indagini di cui si parlava prima. Se oggi questa amministrazione sta lavorando – prosegue – è anche grazie all’operato della mia amministrazione e ai finanziamenti ottenuti, tra l’altro, come ben noto, in un momento di scarsa disponibilità economica dovuto a un oneroso pignoramento». 

Sviluppata la delicata tematica inerente all’ex discarica “Capramorta”, anni fa oggetto di sequestro preventivo e, successivamente, entrata del mirino della nota trasmissione Mediaset “Striscia la notizia”, e rivendicate le azioni promosse per la giusta risoluzione della vicenda, l’ex sindaco di Ionadi entra poi nel merito del finanziamento di 350mila euro ottenuto di recente dal Comune di Ionadi riguardo all’ingegnerizzazione della rete idrica, «in seguito a progetto approvato durante la mia sindacatura. Avevamo molto a cuore questa iniziativa – sottolinea al riguardo la Signoretta – considerati i grandi disagi che questo territorio si ritrova ad affrontare nei periodi estivi. Infatti, questo progetto prevede proprio la manutenzione straordinaria e l’infrastrutturazione delle reti volta ad ottimizzare la gestione al servizio di distribuzione idrica e la riduzione alle perdite sul territorio comunale. Detto questo – conclude l’ex sindaco – auguro all’amministrazione Arena un proficuo lavoro, di guardare avanti per il bene del nostro territorio senza stare a giudicare. Ognuno di noi, infatti, ha dovuto affrontare problemi su problemi, cercando di risolverli, per quanto possibile e per quanto disponibile, in tempi diversi e con problematiche diverse». 

LEGGI ANCHE:

Ionadi, il sindaco Arena rivendica le iniziative intraprese in tema di tutela ambientale