giovedì,Settembre 23 2021

Mileto, il sindaco Giordano pronto al rimpasto di Giunta

Il mini turnover rappresenta la strada obbligata per mantenere gli equilibri e garantire la parità di genere nell’esecutivo. Il bilancio dell’assessore Dimasi

Mileto, il sindaco Giordano pronto al rimpasto di Giunta
Il Comune di Mileto
L’assessore Dimasi con il sindaco Giordano e il vice Pontoriero

È giunto il momento del rimpasto nell’Amministrazione comunale di Mileto. A circa un anno e mezzo dall’inizio della consiliatura, infatti, il sindaco Salvatore Fortunato Giordano sta per dare il via al mini turnover degli assessori. Per la precisione, a passare temporaneamente la mano ad Elisa Galloro sarà l’assessore ai Servizi sociali Fortunata Dimasi. Rimarrà, invece, per adesso al suo posto l’assessore allo Sport Rosa Alba Gangemi. Una scelta obbligata, quella del primo cittadino di Mileto, utile a mantenere gli equilibri e, nel contempo, a garantire in giunta la rappresentanza di genere.

Le tre donne della maggioranza proseguiranno la loro rotazione nell’arco dei cinque anni, in modo da riuscire a mantenere permanentemente nell’esecutivo due rappresentanti del gentil sesso su quattro. Il sindaco dovrebbe provvedere alla rotazione già nella prossima settimana. Per quanto riguarda il turnover tra gli altri esponenti di maggioranza, invece, tutto è rimandato al prossimo mese di dicembre, quando scoccherà il termine di metà mandato. In quest’ottica, l’assessore ai Servizi sociali fa il resoconto dell’attività espletata in questo arco di consiliatura, in particolare delle «numerose attività socio-assistenziali, con cui abbiamo cercato di stare vicini ai nostri concittadini. Abbiamo assunto un assistente sociale (iter già avviato dai commissari prefettizi), in quanto riteniamo che la nostra comunità ha bisogno di risposte nel campo socio assistenziale e la questa figura professionale in organico può aiutare a dare risposte in questo campo e a dare conforto a tutte le persone che spesso non sanno dove bussare per chiedere aiuto».

Tra gli interventi attuati nel settore, la Dimasi ricorda che in epoca di pandemia il suo assessorato, «in sinergia con gli altri componenti della maggioranza, è stato sempre pronto a cogliere le opportunità offerte dal Governo centrale e dalla Regione Calabria. Infatti – sottolinea – abbiamo immediatamente posto in essere tutte le attività utili per raggiungere i nuclei familiari più disagiati con la distribuzione dei buoni spesa. Abbiamo predisposto cinque bandi e distribuito circa duecentomila euro di buoni, utili alle famiglie e alle attività commerciali del territorio. Al riguardo, devo ringraziare il Servizio di volontariato, costituitosi presso il Comune, che ci ha permesso di dare risposte immediate anche in tema di assistenza domiciliare e di distribuzione dei prodotti alimentari offerti dalla Protezione civile.

Nel campo della programmazione – aggiunge – vorrei poi ricordare l’assegnazione al nostro Comune di circa un milione di euro per il rifinanziamento dello Sprar, che verrà a breve riaffidato con una gara aperta e trasparente, che ha visto la partecipazione di ben sette operatori. Tra l’altro Mileto è stato uno dei primi Comuni ad attivare i Puc con i percettori del reddito di cittadinanza e, sia con queste persone, sia con i tirocinanti, abbiamo predisposto una serie di interventi sul territorio di lavori socialmente utili». A seguire l’assessore ricorda la partecipazione ai vari bandi, di cui «uno già finanziato dalla Comunità Europea, che prevede il gemellaggio culturale con altri paesi europei e, Covid permettendo, l’arrivo a Mileto di trecento persone provenienti da varia nazioni, a costo zero per le casse comunali», e la recente assegnazione di giovani del Servizio civile.

E, ancora, l’organizzazione di due Centri estivi, in collaborazione con Vibosalus e Avis comunale, delle elezioni del Baby sindaco e del Consiglio comunale dei ragazzi, «novità molto utile che ha visto il coinvolgimento delle scuole e dei ragazzi ed è culminata con l’eccezionale evento sulla legalità in piazza Badia. Insomma – conclude – mi ritengo ampiamente soddisfatta del lavoro svolto. Per un certo periodo assumerò nell’attuale amministrazione un altro ruolo. Tuttavia, rimarrò vicina alle persone bisognose e continuerò a lavorare al fianco del sindaco per dare il mio contributo per il buon proseguimento dell’attività amministrativa, che da quasi due anni ci vede impegnati tutti insieme per la rinascita del territorio».

top