lunedì,Aprile 19 2021

Intimidazione alla Progetto Sud di Lamezia, Lo Schiavo: «Difendiamo l’opera di don Panizza»

Il candidato alle elezioni regionali con Luigi de Magistris lancia un appello: «Facciamo fronte comune contro la protervia e l'arroganza della criminalità organizzata»

Intimidazione alla Progetto Sud di Lamezia, Lo Schiavo: «Difendiamo l’opera di don Panizza»

«Le vili azioni intimidatorie ai danni delle lavoratrici e dei lavoratori della Comunità Progetto Sud di Lamezia Terme, guidata da don Giacomo Panizza, dimostrano come in Calabria quanti si spendono per il bene comune, per la legalità e la solidarietà, siano ancora considerati come un ostacolo da rimuovere. Tali gesti ci fanno inoltre comprendere come la strada per l’affermazione dei diritti delle persone più fragili (quelle a cui guarda la meritoria azione di don Panizza), sia ancora lunga e impegnativa». È quanto dichiara in una nota Antonio Lo Schiavo, candidato al Consiglio regionale con Luigi De Magistris

«Non per questo, tuttavia, bisogna sconfortarsi. Coloro che agiscono con arroganza e spavalderia – prosegue Antonio Lo Schiavo -, colpendo come in questo caso in pieno giorno pensando di poter rimanere impuniti, rappresentano una sparuta minoranza da isolare e condannare senza se e senza ma. Diventa indispensabile allora stare vicini a realtà come quella di don Giacomo Panizza, che rappresentano la Calabria migliore e più autentica: solidale, umana, capace di grandi slanci di generosità. Facciamo fronte comune per difendere Progetto Sud e quanti ogni giorno praticano l’antimafia dei fatti contro la protervia e l’arroganza della criminalità organizzata».

Articoli correlati

top