venerdì,Luglio 30 2021

Concessioni demaniali marittime, Vibo democratica interroga il sindaco

Miceli e Policaro sollecitano il recepimento della normativa che prevede l’estensione dei permessi per il rilancio del turismo. L'argomento sarà discusso nel prossimo question time

Concessioni demaniali marittime, Vibo democratica interroga il sindaco

Un’interrogazione a risposta immediata in vista del prossimo question time al Comune di Vibo, in programma il prossimo 6 aprile, è stata presentata dal gruppo Vibo democratica composto dai consiglieri comunali MarcoMiceli e GiuseppePolicaro. Al centro dell’interrogazione l’attuazione della legge 77/2020 in materia di estensione delle concessioni demaniali per il rilancio del turismo e il contenimento dei danni causati dall’emergenza Covid-19.

La questione trae le sue premesse dalle recenti modifiche apportate alla normativa di gestione delle concessioni demaniali, in particolare, il decreto legge “rilancio Italia” n. 34/2020 che, all’art. 182 (versione modificata dalla legge di conversione n. 77 del 17 luglio 2020 e pubblicata in gazzetta Ufficiale n. 180 del 18/07/2020), ha disposto che: “…per le necessità di rilancio del settore turistico ed al fine di contenere i danni, diretti e indiretti, causati dall’emergenza epidemiologica da Covid-2019, le amministrazioni competenti non possono avviare o proseguire, a carico dei concessionari che intendono proseguire la propria attività mediante l’uso di beni del demanio marittimo(…) i  procedimenti amministrativi per la devoluzione delle opere non amovibili, di cui all’art. 49 del codice della navigazione, per il rilascio o per l’assegnazione, con procedure ad evidenza pubblica, delle aree oggetto di concessione alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto”.

«Considerata la vocazione prettamente turistica delle frazioni marine insistenti nel nostro Comune – spiegano Miceli e Policaro -, l’intervento normativo sopra richiamato, unitamente all’indirizzo dato in materia dalla Regione Calabria, necessitano certamente della massima attenzione da parte dell’Amministrazione comunale se, davvero, si tiene in debita considerazione il rilancio economico-turistico del nostro territorio, soprattutto di Vibo Marina e Bivona».

Quindi Vibo democratica interroga il sindaco chiedendo: «se l’Amministrazione comunale abbia o meno provveduto all’estensione della durata di tutte le concessioni demaniali marittime, nonché alle concessioni per la realizzazione e la gestione di strutture dedicate alla nautica da diporto, inclusi i porti d’ormeggio al 31/12/2033 così come previsto e consentito dalla normativa e dalla circolare Regionale su citata e, se, in ipotesi negativa, come mai non abbia provveduto ancora in merito, stante l’oramai quasi imminente avvio della stagione estiva che evidenzia in sé l’urgenza del provvedersi».

Articoli correlati

top