Carattere

Nel 1999, durante i Giorni della merla, la costa vibonese venne completamente imbiancata e il ricordo di quell’evento è ancora vivo soprattutto nella città napitina

Storia e memoria

Chi, avendola vissuta, potrà mai dimenticare la magica nevicata di quel sabato pomeriggio del 30 gennaio 1999, che tinteggiò di candido bianco la costa tirrenica meridionale calabrese, compresa la pittoresca cittadina napitina.

E dire che gran parte di quel mese di gennaio di vent’anni addietro le correnti calde provenienti dall’Africa ci avevano regalato periodi piuttosto miti, con splendide giornate invernali di sole che nulla lasciavano presagire quanto poi sarebbe avvenuto nei fatidici giorni della merla di lì a seguire.

Nella parte finale di quel gennaio il clima d’improvviso mutò e l’arrivo di imponenti masse d’aria fredda provenienti dalla Scandinavia e dalla Russia causo un’ondata di gelo che diede luogo, per la gioia di grandi e piccini, ad una delle più imponenti nevicate del XX secolo. Uno spettacolo davvero unico l’arrivo di tanta neve da imbiancare non solo le alture sovrastanti la costa, ma persino le spiagge e le barche dei pescatori messe a riparo: una visione davvero inconsueta. Un’eccezionalità storica per le dimensioni del fenomeno, molto difficile da ammirare a livello del mare a queste latitudini, che interessò il litorale tirrenico meridionale tra Calabria e Sicilia.

A partire dalle 13.30, minuto più minuto meno, nell’arco di poco più di un paio d’ore, si ebbero oltre 25 centimetri di neve che, a parte gli intuibili disaggi alla circolazione e qualche ruzzolone anche da pronto soccorso, portarono un’euforia fanciullesca generale tra la popolazione. Le temperature basse della notte la fecero ghiacciare, mantenendola intatta per un paio di giorni sui tetti delle case e ai bordi delle strade cittadine, mentre sulle alture che coronano la costa quella visione ci rimase per circa una settimana.
Le emozioni di quella candida vicenda le ho espresse nel componimento in vernacolo.

 

TRENDA JENNÀRU '99

(di Rocco Greco)


Û trenda di jennàru si ricorda

ô Pizzu, pe' n'evendu eccezionali:

chiju chi succedìu cu si lu scorda!

di ‘stu paisi resta nda l'annali.


Puri li vecchj, chi ndannu 'i cundàri,

non'epparu cumbrùndi di chi fari.


Dopu lu menzijornu 'i 'sta jornata

ndi nivicau e comu la jettàva;

e jiu avandi 'na bona sirata,

e u Pizzu paru paru mbarinàva.


Parìa annaspru supr'e mustazzòli

chi ralleggràu randi e figghjòli.


A la Siggiola e a la Marina,

a Nazionali e a la Marineja;

la vidìvi scindìri fina fina,

sutta dii Prangi e a la Madonnèja.


E fu nu fattu stranu e assai raru

po' Pizzu ch’è paisi marinaru.


Arredu a li finestri appostati,

ngandilijàti e cu l'occhj mbisi,

ziteji e randi eranu 'ngamati,

in ogni vicu di chistu paisi.


Puru pe' gatti fu nu fattu stranu

‘sta nivi chi scindia chjànu chjànu.


U Pizzu cumboghjàtu di nu mandu:

arredu a Ficarazza e supr'o Chjanu,

i ceramidi e strati! … era nu ngandu

a chjesa i Sambrangìscu e Sambèstianu.


Parìa nu presepiu di Natali

chi l'occhj mei mai vìtturu guali.


Sutt'o Fossatu e arredu a 'Ncatinata,

a Timba, a Cila e supr'o Mulinu

a Chjazza, du Spunduni a’ Mmeculata,

supra di Morti e arred'o Casalinu.


E sutta a 'stu damascu merlettàtu

u Pizzu fu dui jorna cumbogghjàtu.

 

Lacnews24.it
X

In evidenza

Seguici su Facebook