venerdì,Dicembre 3 2021

Il fascista buono

Cinque poveri cristi di Forza Nuova durante il "Gay-Pride" di sabato a Tropea hanno manifestato il loro disappunto. Striscione a parte, i camerati sono sembrati tristi, quasi teneri, mentre tutto intorno c'era festa.

Il fascista buono

Quattro, forse cinque persone. Armati di illegittimi ideali, che in un contesto felice e colorato appaiono pure ridicoli. Ma è la libertà di espressione, bellezza. Loro non parlano e non dicono niente, muti come pesci rossi in una boule dimenticata in un camioncino nel giorno della fiera del paese. Ci avviciniamo e domandiamo al rossiccio sovrappeso cosa significasse il senso “Si alla cipolla. No al finocchio”. Zero risposte e imbarazzo totale. Si avvicina una signora, in cerca al nostro pari di una spiegazione oltre la facile ironia doppiosensista. “Ma con chi ce l’avete di preciso?” Spallucce. Poi la risposta: “C’è scritto là!”. “Ahhhh, ma quindi è una protesta contro la natura, una discriminazione tra ortaggi, sulla supremazia della razza biologica e territoriale della cipolla rossa contro l’invasione del finocchio. Una guerra tra vegani?”

Ride senza motivo il fascista buono. E ancora non parla, mentre gira su se stesso in cerca di supporto dai camerati più distanti e con in mano lo striscione della vergogna esposto dalla balconata di Tropea da dove sotto sta passando il corteo della libertà. Arriva il capoccia, uno che a guardarlo bene ti esprime subito un attimo di tenerezza. Sembra un padre di famiglia, forse lo è. Infatti la difesa è totalmente prona al tradizionalismo cristiano di stampo islamico. Padre alfa, madre beta, figlio coi soldatini e figlia con le bambole. Tutto il resto è silenzio. Silenzio e striscioni ridicoli. La ragazza che li accompagna è anch’ella espressione massima di un grande “bo”. Pantaloni militari, anfibi, polo e cappelletto griffati “Fn”. Anch’ella guarda e non favella. Tenerezza.

Pochi passi più in là c’è il delirio, la musica, i colori, la felicità. Signore anziane dai balconi che salutano, ali di persone ai lati del corteo che applaudono. C’è pura una sposa eterosessuale in piazza Ercole che si unisce idealmente. I gay e le lesbiche gli cantano in coro: “Grazie a voi adesso ci sposiamo pure noi”. E’ tutto troppo bello, inusuale a certe latitudini. C’era chi si aspettava disgusto e disapprovazione. C’era chi si aspettava proteste e sdegno. In un qualche commento di mesi fa alcuni membri di “Fn” scrivevano turgidi ed impettiti che a Tropea, loro, ci sarebbero stati e “attenzione”. E sabato li abbiamo visti. Hanno fatto paura per davvero. Muti come pesci rossi in una boule dimenticata in un camioncino nel giorno della festa del paese.

Il ritratto della tristezza.

Articoli correlati

top