Avvio dei lavori del nuovo ospedale di Vibo, la Cgil: «Notizia positiva seppur tardiva»

Il sindacato commenta favorevolmente l’annuncio della Regione e sottolinea: «Già in corso l’organizzazione del cantiere per le opere complementari»

Il sindacato commenta favorevolmente l’annuncio della Regione e sottolinea: «Già in corso l’organizzazione del cantiere per le opere complementari»

Informazione pubblicitaria
Il progetto del nuovo ospedale di Vibo
Informazione pubblicitaria

«Con qualche “primavera” di ritardo, stiamo per lasciarci alle spalle una delle più sofferte battaglie sindacali per la tutela dei bisogni e della qualità di salute dei cittadini vibonesi. A pochi giorni dall’ultima sollecitazione fatta, per convocare l’ennesimo tavolo prefettizio a verifica dello stato dell’arte sulla costruzione del nuovo ospedale, è sopraggiunta, con tempestiva solerzia, la nota della Regione Calabria, che sancisce la chiusura delle procedure per la progettazione definitiva delle opere idrauliche e stradali e ne indica i perentori termini di apertura del cantiere». 

Informazione pubblicitaria

Ad affermarlo in un comunicato stampa è la Cgil di Vibo Valentia che dunque commenta positivamente l’annuncio della giunta regionale in merito all’avvio dei lavori per le opere complementari del nuovo ospedale di Vibo previsto entro il mese di aprile.

«A conferma della positiva notizia – scrive ancora la Cgil di Vibo -, abbiamo avuto ulteriore riscontro dalla stessa società concessionaria, che ha già predisposto tutta l’organizzazione del cantiere e definito i dettagli per la sua gestione operativa. Così come sono stati contattati, e a breve convocati, i proprietari interessati all’esproprio per ultimare gli accordi sulla transazione dei terreni. Allo stesso modo, si è data una notevole spinta in avanti per completare l’iter procedurale sulla struttura principale, avendo anche predisposto gli assetti e la logistica interna, da ultimo la sistemazione ed i posti letto per il reparto di malattie infettive. Il tutto, quindi, facendo i dovuti scongiuri, sembra volgere a soluzione di una delle più martoriate storie degli investimenti pubblici nella provincia vibonese, per un’opera partorita da decenni dalla politica con assoluta incompetenza e ad occhi letteralmente bendati. Continueremo dunque a vigilare ed eventualmente denunciare, così come fatto lungo tutti questi anni, ogni riscontro sull’apertura dei cantieri e fino alla consegna della fondamentale opera sanitaria. Lo abbiamo detto e continueremo a ripeterlo: tutti i soggetti interessati hanno assunto precisi impegni che dovranno essere rispettati, negli esclusivi interessi generali della nostra collettività».         

LEGGI ANCHE:

Nuovo ospedale di Vibo, approvati i progetti delle opere complementari