Due anni per un esame cardiologico per 83enne di Serra San Bruno, Ferro: «Insulto ai cittadini»

La deputata di Fratelli d’Italia interviene sul caso dell’anziano rimandato al 2020: «È un’imbarazzante ammissione di resa della sanità pubblica»

La deputata di Fratelli d’Italia interviene sul caso dell’anziano rimandato al 2020: «È un’imbarazzante ammissione di resa della sanità pubblica»

Informazione pubblicitaria
L'ospedale di Serra San Bruno
Informazione pubblicitaria

«Sono sconcertata per quanto avvenuto all’ospedale di Serra San Bruno, dove ad un 83enne è stato fissato un esame cardiologico per il maggio del 2020, cioè tra oltre due anni. Un vero e proprio insulto nei confronti di una persona che necessita di accertamenti sul proprio stato di salute, ma soprattutto una imbarazzante ammissione di resa della sanità pubblica di fronte ai bisogni dei cittadini». A riferirlo in un comunicato stampa è la deputata di Fratelli d’Italia Wanda Ferro facendo riferimento all’episodio denunciato nei giorni scorsi dai familiari di un anziano di Serra San Bruno.

Informazione pubblicitaria

«Prenotare un esame diagnostico a distanza di due anni – afferma la Ferro – significa costringere un paziente a rivolgersi ad una struttura privata o, come purtroppo spesso avviene, a rinunciare all’esame, considerato che soprattutto in territori montani come quelli delle Serre, gravemente penalizzati nei collegamenti e da una viabilità disastrata, non è facile per un anziano recarsi presso altre strutture sanitarie. Spero non siano questi i progressi nel settore della specialistica ambulatoriale pubblica sbandierati dal commissario Scura per giustificare i tagli alle strutture private». 

E ancora «credo che della vicenda, ma più in generale dei lunghi tempi di attesa per la diagnostica che quotidianamente vengono denunciati in tutte le aziende sanitarie e ospedaliere della Calabria, a causa di carenze strutturali e organizzative i cui effetti vengono arginati soltanto dall’abnegazione di medici e personale sanitario, debba occuparsi il consiglio regionale e in particolare la commissione Sanità. Auspico inoltre che il nuovo Governo ponga fine una volta per tutte ad un commissariamento della sanità calabrese, che oltre a non avere ottenuto i risultati prefissati sta fornendo al governo regionale un comodo pretesto per assolversi dalle proprie responsabilità, mentre il presidente Oliverio ammette di non essere riuscito ad interloquire con il governo nazionale guidato dal suo stesso partito, e di avere sbagliato a minacciare di incatenarsi a Roma per poi non fare nulla». 

LEGGI ANCHE:

Due anni per un esame cardiologico, attesa shock per un 83enne di Serra San Bruno (VIDEO)

Ritardi a Serra per esame in ospedale, interviene anche il Codacons