Sanità a Vibo, la Conferenza dei sindaci fa il punto su nuovo ospedale e personale

Il dg Caligiuri ha reso noto l’espletamento del concorso per i medici di Pronto soccorso e per 16 anestesisti. Firmate poi 23 convocazioni per l’assunzione di infermieri professionali

Il dg Caligiuri ha reso noto l’espletamento del concorso per i medici di Pronto soccorso e per 16 anestesisti. Firmate poi 23 convocazioni per l’assunzione di infermieri professionali

Informazione pubblicitaria

Si è svolta nei locali della direzione generale dell’Asp di Vibo Valentia, la riunione del Comitato di rappresentanza della Conferenza dei sindaci del Vibonese. Con il presidente Luigi Tassone (sindaco di Serra San Bruno) erano anche presenti Raimondo Bellantoni (vice sindaco di Vibo), Giulia Russo (Ricadi), Raffaele Scaturchio (Dasà). Erano inoltre presenti il direttore generale Angela Caligiuri e il direttore sanitario aziendale Michelangelo Miceli. Preliminarmente il Comitato di rappresentanza ha preso atto della decadenza del sindaco di San Gregorio d’Ippona, Michele Pannia, provvedendo a sostituirlo con il primo cittadino di Monterosso, Antonio Lampasi, risultato primo dei non eletti.  

Informazione pubblicitaria

La convocazione si è resa necessaria per proseguire nel proficuo percorso di collaborazione tra Comitato di rappresentanza dei sindaci e i massimi responsabili della sanità vibonese, con l’intento di fare il punto su alcuni interventi già avviati precedentemente. Al centro dell’incontro la costruzione del nuovo ospedale di Vibo e le problematiche riguardanti gli ospedali della Provincia. Su invito del presidente, il dg ha illustrato lo stato dell’arte sul costruendo nuovo ospedale e ha informato i presenti che è stato completato l’iter riguardante l’esproprio dei terreni relativo all’accesso dell’area in costruzione, confermando parimenti, l’avviata fase di cantierizzazione con l’inizio delle opere complementari. Terminate le opere complementari sarà possibile procedere, verosimilmente entro l’autunno, alla palificazione su cui dovrà sorgere l’opera. Prima di passare alla discussione degli altri punti inseriti all’ordine del giorno, tutti i sindaci hanno concordato sulla necessità di vigilare durante le diverse fasi previste dal progetto, al fine di impedire possibili rallentamenti.

Sono stati successivamente affrontate le problematiche relative alla carenza di personale negli ospedali di Tropea, di Serra San Bruno e di Vibo Valentia. In particolare il direttore generale, coadiuvato dal direttore sanitario, ha posto l’accento sulla difficoltà di reperire alcune figure professionali quali anestesisti, ortopedici, radiologi e ha confermato di aver attivato tutte le procedure necessarie per potenziare i suddetti settori. Il massimo esponente della sanità vibonese ha comunicato che è stato espletato il concorso per i medici di Pronto soccorso e per 16 anestesisti ed è stata avviata la mobilità per 4 radiologi, mentre sono state firmate 23 convocazioni per l’assunzione di altrettanti infermieri professionali. Il dg ha concluso l’informativa anticipando che saranno avviate le procedure per bandire il concorso per un posto di medico di lungodegenza. Il presidente ha infine, sollecitato l’assegnazione di personale medico e infermieristico per l’utilizzo dell’automedica nei comuni montani.

LEGGI ANCHE:

Nuovo ospedale di Vibo, firmato Accordo di programma tra Regione e Comune