martedì,Ottobre 19 2021

Aumentano i contagi nel Vibonese, solo 10 comuni su 50 sono “Covid free”: i dati dell’Asp

Non si ferma la crescita dei nuovi positivi nel territorio provinciale. Fabrizia e Acquaro blindati dai rispettivi sindaci per via dei troppi casi

Aumentano i contagi nel Vibonese, solo 10 comuni su 50 sono “Covid free”: i dati dell’Asp

Sono ormai oltre le 350 unità le persone attualmente positive al Covid in provincia di Vibo Valentia. Oltre cinquanta in più rispetto ad appena sette giorni fa: settimana dopo settimana è un crescendo quello che si sta registrando nel Vibonese, come del resto in tutta la Calabria. E la nostra Regione, in effetti, vede sempre più vicina all’orizzonte la zona gialla, non solo per l’aumento dei contagi ma anche per gli ospedali che ricominciano a riempirsi. È notizia delle scorse ore che i reparti ordinari dell’Annunziata di Cosenza sono già saturi: occupati 34 posti letto sui 35 disponibili in Pneumologia e Malattie infettive.
Tornando alla situazione del Vibonese, le persone ricoverate sono attualmente 10 mentre in 344 si trovano in isolamento domiciliare. È quanto riporta l’Asp sul proprio sito, che ha aggiornato ieri i dati relativi a ogni comune. [Continua in basso]

È il territorio di Fabrizia a presentare il quadro peggiore: il numero delle persone positive ha raggiunto quota 48, e per una di esse è stato necessario il ricovero in ospedale. Un’escalation di contagi in pochi giorni che aveva preoccupato fin da subito il primo cittadino, Francesco Fazio, che il 24 agosto ha firmato una ordinanza con cui “blinda” il comune fino al 12 settembre. Un analogo provvedimento è stato adottato nelle ultime ore anche dal sindaco di Acquaro, Giuseppe Barilaro: qui secondo i dati Asp i casi attivi sono passati dai 4 della scorsa settimana a 17. Il comune resterà blindato, con tanto di coprifuoco e funerali celebrati come ai tempi del lockdown, fino al 6 settembre.

Stabile la situazione a Vibo Valentia e frazioni: i casi attivi sono 45 e nessuno è stato ricoverato. Contagi ancora alti ma pressoché fermi rispetto alla scorsa settimana anche nei comuni di Cessaniti e Nicotera. Il primo ne conta 29, di cui 2 attualmente in ospedale. Nel secondo sono 26, di cui uno è finito in reparto Covid. [Continua in basso]

Tutti gli altri comuni riportano al momento contagi al di sotto delle venti unità. Preoccupa Rombiolo che dai 3 casi della scorsa settimana è passato a 13. Altrove si registrano solo piccole variazioni. A Zungri i contagi sono 16: 15 si trovano a casa e uno in ospedale. Ionadi conta 15 persone infette, di cui una ricoverata. Sono invece 14 i positivi di Filadelfia (anche qui uno è in reparto) e altrettanti ve ne sono a Pizzo, tutti in isolamento domiciliare.

Gli altri territori presentano numeri più contenuti, mentre si riducono a dieci (la scorsa settimana erano tredici) i comuni al momento Covid free: in cui cioè, nella tabella Asp, è pari a zero il numero dei soggetti positivi. Si tratta, al momento, di: Arena, Capistrano, Filogaso, Mongiana, Monterosso, Polia, Spadola, Vallelonga, Vazzano e Zaccanopoli.
Per quanto riguarda i 10 ricoverati, sono così ripartiti: due sono di Cessaniti, uno di Dinami, uno di Fabrizia, uno di Filadelfia, uno di Gerocarne, uno di Ionadi, uno di Mileto, uno di Nicotera e uno di Zungri.

Articoli correlati

top