Obesità infantile, grande partecipazione al progetto dell’Asp di Vibo “A piccoli passi”

Soddisfazione da parte degli operatori coinvolti per la riuscita dell’attività di educazione sanitaria interattiva pensata per le scuole primarie di Tropea e Mileto-Paravati

Soddisfazione da parte degli operatori coinvolti per la riuscita dell’attività di educazione sanitaria interattiva pensata per le scuole primarie di Tropea e Mileto-Paravati

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Negli ultimi anni su tutto il territorio nazionale si sta assistendo ad un preoccupante incremento dell’obesità infantile (specie nel Meridione) e sempre più precocemente i minori acquisiscono stili di vita che contrastano con una crescita psicofisica sana ed equilibrata, come il precoce uso di sigarette e alcol. Il numero dei minori “intrappolati” nella rete virtuale è fortemente in crescita e gli interventi di educazione e prevenzione su tali tematiche rivolti ai ragazzi delle scuole superiori, risultano essere sempre meno efficaci in quanto i comportamenti a rischio a volte sono già ben strutturati. Per tale motivo è opportuno intervenire sui minori quando ancora non si sono radicati tali stili di comportamento». È quanto si legge in un comunicato dell’Azienda sanitaria di Vibo Valentia nel quale si tirano le somme della seconda edizione del progetto “A piccoli passi”, attività di educazione sanitaria interattiva per la scuola primaria, ideata e curata dalle dirigenti della struttura sanitaria Tutela donne, infanzia e adolescenza dell’Asp di Vibo, Stefania Fiorellini (psicologa) e Maria Catena Di Renzo (pediatra). La fase conclusiva dell’attività si è svolta nell’Istituto comprensivo di Mileto-Paravati e nell’Istituto comprensivo di Tropea.  In tali circostanze, gli alunni delle terze classi elementari coinvolte hanno relazionato sulla loro esperienza formativa con diverse modalità espressive trattando le tematiche fumo e alcol, internet e tecnologia, alimentazione e attività fisica. Hanno collaborato con le referenti aziendali di “A piccoli passi” le insegnanti Brosio, Valente, Varone e Rettura per Mileto e Paravati e le insegnanti Macrì, Di Bella, Esposito e Pizzirusso per Tropea. Oltre agli alunni sono stati  presenti all’incontro genitori, insegnanti, dirigenti scolastici e sanitari. L’inizio dei lavori a Paravati è stato preceduto dai saluti del responsabile della struttura sanitaria Tutela donne, infanzia e adolescenza Orlando Cartisano e dal dirigente scolastico dei due istituti comprensivi Giuseppina Prostamo. In entrambi gli istituti, a conclusione dei lavori, Stefania Fiorellini e Maria Catena Di Renzo hanno consegnato a ciascun alunno l’attestato di “Promotore di buona salute” per motivare ogni singolo alunno a divulgare quanto recepito in ambito di buona salute. «Va sottolineato – conclude la nota – che in questa edizione di “A piccoli passi”, gli alunni coinvolti sono stati 130 (50 in più della precedente edizione) e che, per la complessità strutturale dell’intervento sanitario, le referenti aziendali non hanno potuto soddisfare tutte le richieste di adesione al programma ricevute dalle scuole. L’interesse riscontrato negli alunni e relativi insegnanti, motivano ancora una volta le dirigenti sanitarie, ideatrici e promotrici di “A piccoli passi”, a programmarne per il prossimo anno la terza edizione».

Informazione pubblicitaria