domenica,Novembre 28 2021

Covid, la Calabria resta in zona bianca, ma Occhiuto non esclude restrizioni per i non vaccinati

Rischio moderato ma incidenza di casi ogni 100mila abitanti sopra la soglia critica di 50. Aumenta di due punti percentuali l'occupazione dei posti letto in area medica

Covid, la Calabria resta in zona bianca, ma Occhiuto non esclude restrizioni per i non vaccinati
Il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto (Foto Facebook)

La Calabria resta in zona bianca. È quanto emerge dal monitoraggio settimanale sulla pandemia Covid-19 effettuato dall’Istituto superiore di Sanità e dal ministero della Salute. L’incidenza ogni 100mila abitanti è pari a 64 casi (14.11-18.11), dato leggermente superiore rispetto alla scorsa settimana ma sempre sopra la soglia critica di 50. L’occupazione delle terapie intensive aumenta di poco rispetto a 7 giorni fa, si attesta al 5,9% (soglia critica 10%). Aumenta di circa due punti (12,8%) invece l’occupazione dei posti letto nei reparti ordinari avvicinandosi sempre di più alla soglia critica del 15%. La Calabria torna a rischio moderato.

La dichiarazione di Occhiuto

«Sono contrario ad ogni restrizione, tant’è che uno dei miei primi atti da presidente della Regione Calabria è stato quello di modificare la circolare che definiva le modalità per indicare le zone rosse. Non ho fatto alcuna zona rossa. Ho scritto alle aziende sanitarie che non bastavano i contagi, bisognava fare la zona rossa solo dove c’era una pressione sulla rete ospedaliera dovuta al fatto che esisteva un basso numero di vaccinati». Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria, a Buongiorno Regione Calabria.

Articoli correlati

top