Sant’Anna Hospital, il cardiologo Capomolla di Monterosso nuovo direttore sanitario

Guiderà anche il reparto di Cardiologia della clinica catanzarese specializzata nelle cure delle patologie del cuore

Guiderà anche il reparto di Cardiologia della clinica catanzarese specializzata nelle cure delle patologie del cuore

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Prestigioso incarico al cardiologo di Monterosso Calabro, Antonio Soccorso Capomolla, nominato direttore sanitario del Sant’Anna Hospital di Catanzaro, dove assumerà anche l’incarico di direttore della Cardiologia/Utic. I dati nazionali del piano degli esiti del Ministero della Salute posizionano il Sant’Anna Hospital, centro per l’alta specialità del cuore, come una delle migliori strutture a livello nazionale per la cura delle patologie coronariche, valvolari e vascolari. “Ho accettato questo nuovo incarico – dichiara il dottore Capomolla – con animo ricolmo di gioia e di orgoglio, giammai con superbia, sempre con umiltà, con modestia e con consapevole responsabilità, consci del ruolo strategico che il Sant’Anna Hospital ha avuto e ha nell’offerta sanitaria regionale. La patologia cardiovascolare rappresenta la prima causa di morte nella nostra regione. Il Sant’Anna, attraverso un’articolata ed elevata offerta, ha saputo intervenire su tre livelli di criticità della sanità calabrese: rispondere al bisogno sanitario con standards qualitativi comparabili con quelli dei grandi centri cardiologici, quali il gruppo San Donato, l’Humanitas, il Niguarda di Milano e la Cardiochirurgia Pavese; contenere la mobilità passiva della regione per interventi di alta specialità; creare competenze professionali, capaci di marginalizzare la fuga dei giovani professionisti”.

Informazione pubblicitaria

 Antonio Soccorso Capomolla, laureato in medicina e chirurgia e specializzato in Cardiologia all’Università di Pavia, ha lavorato per 22 anni nell’Unità per lo scompenso cardiaco del centro medico di Montescano (Pv), dove ha ricoperto prestigiosi incarichi dirigenziali e scientifici, collaborando anche per lo sviluppo della Telecardiologia. Dal 2007 al 2013, è stato direttore medico del Polo specialistico riabilitativo di Sant’Angelo dei Lombardi della Fondazione Don Carlo Gnocchi. Nello stesso periodo è stato, altresì, docente alla Scuola per Fisioterapisti della II Università di Napoli e ha ricoperto prestigiosi incarichi per la Regione Campania. Nel 2012 ha conseguito il master per manager delle Aziende sanitarie e socio-sanitarie all’Università Bocconi di Milano. È stato membro della commissione per la stesura delle linee Guida di Telemedicina al Ministero della Salute. E’ autore di numerose pubblicazioni scientifiche.