Lavori nuovo ospedale di Vibo, il traffico sarà convogliato su una bretella

Riunione tecnica in Prefettura per un aggiornamento sul cronoprogramma degli interventi. Opere complementari pronte in 4 mesi
Riunione tecnica in Prefettura per un aggiornamento sul cronoprogramma degli interventi. Opere complementari pronte in 4 mesi
Informazione pubblicitaria
Il cantiere del nuovo ospedale di Vibo
Informazione pubblicitaria

Il prefetto di Vibo, Francesco Zito, ha incontrato questa mattina i rappresentanti del Dipartimento lavori pubblici della Regione Calabria e della società Vibo Hospital Service per un aggiornamento sul cronoprogramma dei lavori relativi alla realizzazione del nuovo ospedale di Vibo Valentia. «Il recente provvedimento di dissequestro dell’area interessata dalle opere complementari – si rende noto all’esito della riunione -, emesso dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia, consentirà il completamento dei suddetti lavori, afferenti agli interventi idraulici e a quelli stradali, entro il termine di circa 4 mesi. In particolare, al fine di avviare le opere complementari concernenti la viabilità, entro 15 giorni il traffico veicolare nell’area del cantiere sarà convogliato su una bretella, attualmente in fase di ultimazione».

Nuovo ospedale di Vibo, dissequestrato il cantiere delle opere complementari – Video

La Prefettura informa altresì che «si attende l’approvazione del progetto definitivo, allo stato sottoposto al giudizio del soggetto verificatore nominato dalla Regione, e, successivamente, si procederà all’approvazione de progetto esecutivo. Nondimeno – si aggiunge -, per evitare che i tempi necessari per l’approvazione del progetto esecutivo possano causare l’interruzione dei lavori all’interno del cantiere, si procederà alla definizione ed all’approvazione di uno stralcio di tale progetto, relativo alla realizzazione delle opere accessorie».

Tale operazione, «oltre a consentire la prosecuzione dei lavori senza soluzione di continuità, determinerà un’anticipazione dei tempi per il completamento dell’opera. A tal riguardo si evidenzia – conclude la nota – che le parti hanno già iniziato a discutere degli interventi da poter inserire nello stralcio del progetto esecutivo, in modo da ridurre anche i termini per la definizione e l’approvazione dello stesso».

Informazione pubblicitaria