L’Asp riattiva il centro prelievi in sei comuni dell’entroterra vibonese

Lo annuncia il consigliere regionale Vito Pitaro: «Il management ha compreso le esigenze dei cittadini di questi territori, è una vittoria di tutti»
Lo annuncia il consigliere regionale Vito Pitaro: «Il management ha compreso le esigenze dei cittadini di questi territori, è una vittoria di tutti»
Informazione pubblicitaria

L’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia ha disposto la riattivazione dei centri prelievi in alcuni Comuni dell’entroterra vibonese, in particolare ad Acquaro, Arena, Dinami, Fabrizia, Nardodipace e Soriano Calabro. Ad annunciarlo è il consigliere regionale Vito Pitaro, capogruppo di “Santelli presidente”, che aveva sottoposto all’attenzione dell’Asp le esigenze dei cittadini di quei territori: «Questa è una vittoria per intere comunità – afferma oggi Pitaro – che potranno finalmente usufruire di servizi sanitari essenziali dopo mesi di sospensione. Ci tengo a ringraziare il direttore del distretto sanitario, Raffaele Bava, ed il commissario dell’Azienda sanitaria provinciale, Giuseppe Giuliano, per essersi attivati repentinamente ed aver dato risposte concrete ai cittadini. Continuerò ad accogliere le istanze di tutti coloro – ha aggiunto il consigliere regionale – che a causa delle condizioni del sistema sanitario stanno continuando a subire dei disagi. L’emergenza dovuta alla pandemia da Coronavirus, dalla quale fortunatamente stiamo uscendo, ci deve insegnare che la prevenzione e l’attenzione verso i cittadini sono l’aspetto più importante». La riattivazione del centro prelievi in queste località consentirà all’utenza di usufruire di alcune prestazioni mediche senza la necessità di recarsi nel capoluogo. Una comodità, dunque, la popolazione delle Serre.