Rientra a Pizzo dalla Svizzera: positivo al coronavirus

L’uomo si è fin da subito posto in isolamento domiciliare a scopo precauzionale. Non si registrano altri casi in regione su 924 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore
L’uomo si è fin da subito posto in isolamento domiciliare a scopo precauzionale. Non si registrano altri casi in regione su 924 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

Dopo diversi giorni di tregua si registra un nuovo caso di positività al coronavirus in provincia di Vibo Valentia. Si tratta di un uomo residente a Pizzo, rientrato nei giorni scorsi dalla Svizzera e che subito si sarebbe posto in isolamento domiciliare a scopo precauzionale benché asintomatico. Sottoposto a tampone, questo ha dato esito positivo e subito è scattato il protocollo di sicurezza da parte dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo che ora sottoporrà ai test tutti i familiari dell’uomo.   

Nei giorni scorsi Pizzo, in particolare l’istituto Nautico che ha sede in via Riviera Prangi, era stata già al centro dell’attenzione sul fronte Covid a causa della positività di un docente di 65 anni membro della commissione per gli esami di stato che, a sua volta, aveva avuto contatti con una coppia di Palmi risultata contagiata dopo il rientro dall’Emilia Romagna. Tutti gli accertamenti effettuati sulle persone entrate in contatto con il professore avevano dato poi esito negativo sia a Pizzo che a Nicotera, suo paese di residenza. Le condizioni dell’uomo si sono tuttavia aggravate tanto che si è reso necessario il suo ricovero nel reparto Malattie infettive dell’ospedale di Vibo, dove rimane sotto osservazione in condizioni stazionarie.

Intanto dal consueto bollettino regionale risultano effettuati 93.060 tamponi dall’inizio dell’emergenza con 1181 persone risultate positive al Coronavirus. Il caso di Pizzo è l’unico nuovo contagio che si registra rispetto a ieri sui 924 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. Le persone risultate negative sono, di conseguenza, 90.638. Sfiora quota 100 (97) il totale dei decessi.