Coronavirus, nuovo caso positivo nell’ex zona rossa di Stefanaconi

Si tratta di contagio legato al ceppo originario del focolaio e pertanto già in quarantena cautelare e sotto stretta osservazione da parte dell’Asp
Si tratta di contagio legato al ceppo originario del focolaio e pertanto già in quarantena cautelare e sotto stretta osservazione da parte dell’Asp
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si registra un nuovo caso di positività al coronavirus Sars-Cov2 nell’ex zona rossa di Stefanaconi. A circa due settimane dalla fine del lockdown locale – periodo coinciso con l’assenza di nuovi casi – e dopo il doloroso decorso della malattia di uno dei primi contagiati deceduto in ospedale a Cosenza, il Covid19 torna a colpire interessando una persona già sotto osservazione da parte delle autorità sanitarie e, dunque, già in quarantena cautelare. Si tratta, infatti, di un familiare di casi noti legati al ceppo originario del focolaio, che avrebbe osservato tutte le precauzioni legate alla sua particolare condizione. Lo stesso non accusa sintomi e, come da protocollo, le sue condizioni saranno ora strettamente monitorate dal Dipartimento prevenzione dell’Asp di Vibo. Si tratta della positività già segnalata nel bollettino odierno diramato dalla Regione Calabria [vedi articolo in basso].    

Informazione pubblicitaria

Dal sindaco di Stefanaconi Salvatore Solano la conferma del caso e le rassicurazioni. “È di qualche ora fa la notizia diffusa dagli organi di stampa che conferma un nuovo caso positivo a Stefanaconi. La notizia è fondata ma non desta assolutamente alcuna preoccupazione, considerato che il soggetto interessato si trova da oltre 30 giorni n isolamento domiciliare, ed appartiene al ceppo originario del focolaio. Ad oggi possiamo affermare, con cognizione di causa e a scanso di equivoci, che il focolaio è stato circoscritto ed è sotto controllo. Ancor più, possiamo dare la buona notizia che molti dei soggetti positivi, quasi la totalità, sono risultati negativi al doppio tampone. Quindi, nessun allarmismo, ma continuiamo a mantenere alta l’attenzione, con osservanza delle regole e del buon senso, che a dire il vero la nostra comunità sta dimostrando di averne in abbondanza”.