Coronavirus, quattro nuovi casi nel Vibonese su 224 in tutta la regione

Tamponi positivi per quattro persone rientrare a Nicotera, Cessaniti e Vibo. Due le nuove vittime in Calabria che portano il totale a 113
Tamponi positivi per quattro persone rientrare a Nicotera, Cessaniti e Vibo. Due le nuove vittime in Calabria che portano il totale a 113
Informazione pubblicitaria

Ci sono quattro nuovi casi di positività al coronavirus Sars-Cov2 in provincia di Vibo Valentia. Dopo giorni di sostanziale tregua, con zero casi registrati sul territorio, la pandemia si riaffaccia anche dalle parti della provincia fin qui meno colpita in Calabria. In particolare, due casi si registrano a Nicotera, uno a Cessaniti nella frazione San Cono e uno a Vibo Valentia. Si tratterebbe di persone provenienti da fuori regione che hanno informato le autorità sanitarie del loro ritorno e, sottoposte a tampone, hanno scoperto di aver contratto il Covid19.  

A confermare la circostanza i sindaci di Nicotera, Giuseppe Marasco, e di Cessaniti, Francesco Mazzeo. «Due nostri concittadini sono risultati positivi al tampone – ha scritto su Facebook il primo -. Non si era data la notizia perché l’esito è arrivato solo nel primo pomeriggio dopo la nostra precedente nota. Il sindaco informa che trattasi di due persone che sono rientrate in città da fuori regione, dove si erano recate per motivi familiari. Durante il viaggio di ritorno, hanno manifestato dei sintomi e, diligentemente, appena giunti a Nicotera, hanno avvertito le autorità sanitarie e si sono poste in quarantena. Non hanno quindi avuto contatti con altri soggetti».

Da Mazzeo rassicurazioni alla cittadinanza. «Insieme al dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Vibo abbiamo attivato la profilassi prevista per questi casi. Nessun allarmismo o panico, il caso è circoscritto e stiamo ricostruendo tutti i contatti diretti ed indiretti. Fino a questo momento le scuole, di tutti gli ordini e gradi, non hanno nessun collegamento con il soggetto in questione». Quindi l’esortazione: «evitate di iniziare con la caccia alle streghe perché francamente è di cattivo gusto, anzi auguriamo una pronta guarigione a questa persona per il suo bene e per il nostro bene».

Il bollettino della Regione

I casi del Vibonese sono contemplati anche nel bollettino quotidiano del dipartimento Tutela della salute della Regione Calabria che dà conto di 224 nuovi casi positivi (contro i 196 di ieri) con 2.725 soggetti testati (ieri 2.655) e 2.741 tamponi (ieri 3.267). Calano i ricoverati in terapia intensiva da 11 a 7. Due le nuove vittime che portano il totale a 113. I guariti sono 1.798 (+13). I casi attivi sono 2.713 (+209), quelli da inizio pandemia 4.624 con 266.077 soggetti testati per un totale di 268.987 tamponi eseguiti. I ricoverati in malattie infettive sono 134 (+14) mentre gli isolati a domicilio 2.572 (+199).

Territorialmente, dall’inizio dell’epidemia, i casi positivi sono distribuiti a: Cosenza: casi attivi 809 (50 in reparto; 2 in terapia intensiva, 757 in isolamento domiciliare); casi chiusi 639 (598 guariti, 41 deceduti). Catanzaro: casi attivi 346 (33 in reparto; 1 in terapia intensiva; 312 in isolamento domiciliare); casi chiusi 337 (301 guariti, 36 deceduti). Crotone: casi attivi 75 (75 in isolamento domiciliare); casi chiusi 161 (155 guariti, 6 deceduti). Vibo Valentia: casi attivi 39 (3 ricoverati ,36 in isolamento domiciliare); casi chiusi 124 (118 guariti, 6 deceduti). Reggio Calabria: casi attivi 1.176 (48 in reparto; 4 in terapia intensiva; 1.124 in isolamento domiciliare); casi chiusi 523 (500 guariti, 23 deceduti). Altra Regione o stato Estero: casi attivi 268 (238 in isolamento domiciliare); casi chiusi 127 (126 guariti, 1 deceduto).

I casi confermati oggi sono suddivisi a: Cosenza 95, Catanzaro 48, Crotone 4, Vibo Valentia 4, Reggio Calabria 27. Altra Regione o stato estero 46, che sono i migranti giunti ieri a Roccella Ionica. Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza su territorio regionale sono in totale 749.