Coronavirus: tre casi positivi nel Vibonese, uno a Serra e due a San Calogero

Una nota dell’Asp di Vibo indirizzata ieri al sindaco Giuseppe Maruca attestava che non vi erano contagiati a San Calogero. Oggi il primo cittadino nella pagina facebook dell’amministrazione comunale dà conto dell’esistenza di due contagiati
Una nota dell’Asp di Vibo indirizzata ieri al sindaco Giuseppe Maruca attestava che non vi erano contagiati a San Calogero. Oggi il primo cittadino nella pagina facebook dell’amministrazione comunale dà conto dell’esistenza di due contagiati
Informazione pubblicitaria

Un nuovo soggetto positivo al coronavirus a Serra San Bruno. Dopo un precedente caso di Covid-19, personale dell’Asp, con le forze dell’ordine, hanno tracciato i contatti avuti dalla persona contagiata e da qui la sottoposizione a tampone di altro soggetto risultato ora positivo. Salgono quindi a quattro i soggetti positivi a Serra San Bruno.

A San Calogero, invece, l’Asp di Vibo Valentia aveva ieri indirizzato una missiva al sindaco Giuseppe Maruca assicurando che alla data di ieri (9 novembre 2020) non vi erano sul territorio casi di soggetti positivi al coronavirus. Quindi una nota dell’amministrazione comunale di San Calogero invitava i “concittadini a non diffondere notizie capaci di destabilizzare la tranquillità della nostra comunità” aggiungendo che l’ente “al fine di mantenere un clima di serenità, procederà nei confronti di quanti, attraverso profili ufficiali o falsi, diffonderanno notizie prive di fondamento e di dati certificati”.

Nella giornata odierna, però, alle ore 15.17, è l’ex sindaco Nicola Brosio sulla pagina facebook del gruppo “Insieme per Crescere” ad intervenire per chiedere alle autorità preposte di “dare le giuste comunicazioni sulla presenza di positivi nel comune” confermando che i “positivi ci sono e non sono da condannare, anzi sono da proteggere ed occorre tutelare la loro privacy”. E l’ex primo cittadino ha anche aggiunto: “Sappiate che, malgrado non riesca a capire perché cerchiate di nasconderlo, da stanotte abbiamo anche il primo ricoverato per sospetta polmonite da Covid”.

Il sindaco Giuseppe Maruca

Ore 17.30: sul profilo facebook dell’amministrazione comunale di San Calogero si legge che “il sindaco avvisa la cittadinanza che in data odierna alle ore 14.24, come da prassi, si è sentito con l’Asp di Vibo Valentia, la quale ha confermato che un nostro concittadino, sottoposto a tampone in data 03.11.2020 ed in quarantena dal 01.11.2020, è risultato positivo al Covid (risultato tampone processato il 10.11.2020).Il concittadino, contatto dall’unità di crisi, ha confermato di stare bene e di non avere sintomi. Inoltre – si legge sempre sulla pagina facebook dell’amministrazione comunale di San Calogero – da fonti ufficiose, siamo venuti a conoscenza che un nostro concittadino, domiciliato nella nostra comunità e quindi non residente, si trova ricoverato presso l’Unità covid dell’ospedale di Vibo Valentia. Invitiamo i cittadini ad evitare occasioni di sciacallaggio mediatico e di protagonismo sociale. Oggi non vince chi diffonde notizie o chi usa epiteti più o meno simpatici. Questa battaglia deve essere vinta in modo corale”. Evidentemente per l’amministrazione comunale di San Calogero solo la stessa può attingere da fonti ufficiose per dare notizia di soggetti positivi al coronavirus. Se lo fanno altri (e magari verificano attraverso molteplici riscontri anticipando la stessa amministrazione comunale), la notizia diventa allora “priva di fondamento” e si minaccia addirittura di “procedere” non si sa bene per cosa e contro chi. Ogni ulteriore commento sulla vicenda di San Calogero appare davvero superfluo.