«L’ospedale di Soriano a supporto di quello di Vibo»: nove sindaci scrivono a Longo

Appello al neo commissario regionale alla Sanità da parte dei primi cittadini dei centri dell’Alto Mesima: «Trasferendo alcuni reparti si alleggerirebbe la pressione sullo Jazzolino»
Appello al neo commissario regionale alla Sanità da parte dei primi cittadini dei centri dell’Alto Mesima: «Trasferendo alcuni reparti si alleggerirebbe la pressione sullo Jazzolino»
Informazione pubblicitaria
Il presidio sanitario di Soriano

Torna al centro del dibattito l’utilizzo dell’ospedale di Soriano Calabro. Il neo commissario regionale alla Sanità, già prefetto di Vibo Valentia, Guido Longo, tra gli obiettivi del suo mandato ha già anticipato la volontà di mettere mano alla rete degli ospedali dismessi o sottoutilizzati al fine d’incrementare l’offerta sanitaria territoriale. Intenti che incoraggiano i sindaci dell’Alto Mesima a riaccendere i riflettori sulla struttura sorianese.

Per questo i primi cittadini di Soriano, Vincenzo Bartone; Sorianello, Sergio Cannatelli; Gerocarne, Vitaliano Papillo; Pizzoni, Vincenzo Caruso; Vazzano, Vincenzo Massa; Dasà, Raffaele Scaturchio; Arena, Antonino Schinella; Acquaro, Giuseppe Barilaro, e Dinami, Gregorio Ciccone, hanno scritto al prefetto Longo chiedendo di valutare la rifunzionalizzazione del nosocomio in supporto all’ospedale di Vibo Valentia.

«Vista l’emergenza sanitaria regionale, vista la situazione dell’ospedale civile di Vibo Valentia (oramai non più in grado di svolgere la propria funzione assistenziale del territorio)» i sindaci propongono un «progetto sanitario per la provincia vibonese in grado di sopperire a tale situazione emergenziale e soprattutto di poter dare, anche in futuro, una risposta sanitaria adeguata alle richieste degli utenti. L’ospedale di Soriano Calabro può essere recuperato con un intervento di spesa minimo ed essere così di supporto alla struttura vibonese, e di fatto decongestionarlo dall’affluenza, che, soprattutto in questo momento, è molto alta; si potrebbe creare un ospedale Riuniti di Vibo Valentia che possa dare risposte serie ai cittadini. Potrebbero, infatti, essere trasferiti i reparti che a Vibo Valentia faticano per emergenza Covid: Ortopedia, Psichiatria, Otorino e vari ambulatori; reparti ed ambulatori, più consoni alle esigenze dell’ammalato».

I nove sindaci dell’Alto Mesima fanno presente, inoltre, che «l’ospedale di Soriano dista solamente 15 minuti di autostrada dall’ospedale di Vibo Valentia, quindi è facilmente raggiungibile da qualsiasi ambulanza. Tutto ciò permetterebbe di allentare l’afflusso verso l’ospedale del capoluogo ed offrire migliori servizi, da subito, alla popolazione di tutto il comprensorio. Il tutto fino a che il nuovo ospedale di Vibo Valentia non verrà costruito». Infine l’invito al commissario Longo per un incontro «al fine di discutere e valutare l’effettiva realizzazione di quanto sopra esposto».