Tropea, Piserà (Lega) chiede test anti-Covid a tappeto per studenti, docenti e personale Ata

Il consigliere comunale del Carroccio si rivolge al sindaco Macrì affinché il Comune promuova uno screening di massa sulla popolazione studentesca
Il consigliere comunale del Carroccio si rivolge al sindaco Macrì affinché il Comune promuova uno screening di massa sulla popolazione studentesca
Informazione pubblicitaria

«Uno screening di massa della popolazione studentesca di Tropea». È quanto chiede il consigliere comunale della Lega, Antonio Pisarà, alla luce «della situazione di emergenza sanitaria Sars Covid 2 in corso, che merita la massima attenzione da parte di qualsiasi livello della Pubblica Amministrazione».

«La tutela della salute pubblica – continua Pisarà – ha priorità in ogni logica e azione amministrativa. Preme, in questo momento più che mai, la salvaguardia degli studenti, di ogni ordine e grado. I test antigenici rapidi, offrono una preziosa ed immediata alternativa ai classici test molecolari, avendo facoltà di restituire l’esito in pochi minuti e costituendo una valida arma per potenziare la determinante individuazione delle eventuali positività».

Da qui la richiesta al sindaco di Tropea, Giovanni Macrì, affinché «si attivi, con estrema urgenza, alla programmazione di uno screening di massa della popolazione studentesca – residente e non, tanto nel pubblico, quanto nel privato – relativamente alle scuole comprese nella totalità del nostro territorio, con estensione a tutto il personale Ata e docente, prima della riapertura delle stesse».

Riapertura che però, è bene ricordarlo, è in forse per tutta la Regione, visto che è attesa in giornata la nuova ordinanza del presidente f.f. Nino Spirlì, che potrebbe prevedere lo stop anche per gli alunni delle scuole elementari e prime medie, che in teoria il 7 gennaio dovrebbero tornare in classe.