giovedì,Maggio 6 2021

Covid, cinque nuovi casi a Limbadi: domani al via lo screening

Non si arresta la diffusione del contagio in tutto il Vibonese: nuovi casi positivi anche a San Gregorio d’Ippona e a Nicotera

Covid, cinque nuovi casi a Limbadi: domani al via lo screening
Auto in fila al drive in - Foto d'archivio

Aumentano i casi di coronavirus nel comune di Limbadi. L’ultima comunicazione giunta dall’Asp di Vibo Valentia riporta di cinque nuovi contagi, che portano il totale degli attuali positivi a 12. Si tratta di persone che si trovavano già in isolamento volontario, spiega dalla sua pagina Facebook l’Amministrazione comunale, che al contempo si congratula con tutti i cittadini risultati contagiati in questi mesi per il loro «atteggiamento meritorio e responsabile».

Vi è comunque molta preoccupazione in paese. Da tutto il Vibonese non giungono notizie confortanti, con diversi ed ampi focolai attivi. Da quello più corposo di Piscopio che conta quasi 350 casi, fino a Monterosso dove i contagi hanno raggiunto quota 46. E desta apprensione anche San Gregorio d’Ippona, dove nelle ultime ore sono state accertate altre 11 positività, che portano il totale a 27.  

A fare paura a Limbadi è poi la situazione nella vicinissima Rosarno, dove sono oltre duecento le persone contagiate. È anche per questo che l’amministrazione guidata dal sindaco Pantaleone Mercuri ha deciso di allestire nel pomeriggio di domani davanti al Comune una postazione drive-in, a cui si potranno rivolgere – previa prenotazione – tutti i cittadini che abbiano avuto contatti con «soggetti positivi accertati o presunti» per sottoporsi a test antigenico.

La situazione a Nicotera

Nella confinante Nicotera, intanto, quattro persone sono risultate positive al tampone antigenico e sono in attesa di fare quello molecolare. Tre appartengono allo stesso nucleo familiare. È quanto fa sapere il sindaco, Giuseppe Marasco. Ma c’è anche una buona notizia: dei tre contagiati nelle scorse settimane, due sono guariti. Il terzo è ancora positivo e pertanto resta in quarantena domiciliare.

Intanto, però, in un vero e proprio tam-tam, sui social e nelle chat, si susseguono notizie su numerosi casi positivi che ci sarebbero in città e non sarebbero stati ancora “ufficializzati”. Una circostanza che il primo cittadino smentisce, parlando di informazioni «destituite di ogni fondamento» e assicurando che «rispetto ad altre zone del Vibonese e del Reggino, la situazione sanitaria complessiva del territorio nicoterese si mantiene su livelli più che accettabili».

Articoli correlati

top