Covid, tamponi per la riapertura delle scuole anche a Ionadi e San Costantino

Test rapidi sulla popolazione scolastica sono stati effettuati nelle scorse ore anche a San Calogero
Test rapidi sulla popolazione scolastica sono stati effettuati nelle scorse ore anche a San Calogero
Informazione pubblicitaria
Tamponi a San Costantino Calabro

Continuano gli screening di massa nel Vibonese, per cercare di prevenire eventuali focolai da Covid-19, in vista della prossima riapertura delle scuole primaria e secondaria di Primo grado. Nei giorni scorsi a predisporre i controlli a tappeto sulla popolazione scolastica del territorio è stato il comune di San Calogero, con a capo il primo cittadino Giuseppa Maruca. Oggi, invece, a far effettuare con la collaborazione della Croce Rossa Italiana circa 250 tamponi antigenici ad alunni e personale scolastico dei propri Istituti è stata l’amministrazione comunale di San Costantino Calabro, guidata dal sindaco Nicola Derito. Test per fortuna risultati tutti negativi. Stessa iniziativa, visto anche il preoccupante numero di contagi presente tra questa comunità, a partire da lunedì prossimo sarà intrapresa dal comune di Ionadi.

«Tale decisione seppur sofferta – spiega al riguardo l’assessore al ramo Angela Morello – ci permetterà di cristallizzare l’eventuale presenza del virus nel comprensorio ionadese e, si spera, di far rientrare gli studenti in piena sicurezza. Una volta completato lo screening saranno analizzati i dati e nel caso siano confortevoli si inizierà con le lezioni in aula, per una ripresa della “normalità”. Il sindaco Antonio Arena e io, al riguardo, ci teniamo a ringraziare il dirigente scolastico e i rappresentanti d’Istituto, i quali hanno collaborato alla predisposizione di tutti gli adempimenti burocratici e organizzativi preliminari. L’augurio – conclude – è che tutti i nostri ragazzi risultino negativi al Covid e che, quindi, si possa tornare in aula per le lezioni in presenza».

Sul territorio di Ionadi i test rapidi a tappeto riguarderanno circa 300 studenti. Così come nel caso degli altri comuni della provincia che hanno già attuato tale iniziativa, saranno effettuati in sinergia con i vertici di settore coinvolti.