mercoledì,Settembre 22 2021

Vaccini dirottati a Reggio bloccati dai sindaci, Falcomatà: «Guerra tra poveri che danneggia tutti»

Il primo cittadino della città dello Stretto contro il blocco attuato dai colleghi del Vibonese: «Necessario fare fronte comune e chiedere sia rispettato il diritto alla salute di tutti i calabresi»

Vaccini dirottati a Reggio bloccati dai sindaci, Falcomatà: «Guerra tra poveri che danneggia tutti»
Il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà

«Assurda la situazione che si è venuta a creare con il blocco dei vaccini destinati a Reggio Calabria da parte dei sindaci della provincia di Vibo Valentia. In questo modo si rischia di generare una vera e propria guerra tra poveri che finisce per penalizzare i cittadini e l’intero territorio. L’organizzazione del piano vaccinale, ammesso che ne esista uno, nella nostra regione fa acqua da tutte le parti». Così il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, dopo che i primi cittadini vibonesi hanno impedito il trasferimento di circa duemila dosi di vaccino anti Covid da Vibo a Reggio, così come era stato disposto dalla struttura commissariale della sanità della Regione.

«Comprendo le preoccupazioni dei sindaci del Vibonese – prosegue Falcomatà -, e su questo penso sia necessario fare fronte comune chiedendo insieme che sia rispettato il diritto alla salute per tutti i cittadini calabresi. Il Commissario Longo e la Regione Calabria intervengano per mettere ordine in questo caos assurdo che si è generato. I cittadini calabresi non possono pagare sulla loro pelle le inefficienze di un sistema che continua quotidianamente a dimostrare limiti davvero inaccettabili».

«Bisogna cambiare registro, da subito. I sindaci della Città Metropolitana di Reggio Calabria sono a disposizione, ma sul piano vaccinale – è la conclusione – serve una regia unica, che eviti il verificarsi di queste situazioni».

Articoli correlati

top