martedì,Settembre 28 2021

Anche a Limbadi un Giardino della memoria per le vittime del Covid

È il dodicesimo realizzato dall'associazione Valentia. Sono stati piantumati quattro alberelli di ulivo, presenti anche alcuni parenti di chi ha perso la vita a causa del virus

Anche a Limbadi un Giardino della memoria per le vittime del Covid

Anche Limbadi ha il suo Giardino della memoria per le vittime del Covid-19: è stato realizzato nell’area verde antistante l’anfiteatro cittadino ed è il dodicesimo creato per impulso dell’associazione Valentia, grazie ai proventi del libro “Storie da raccontare – Grandi imprese e solidarietà ai tempi del Coronavirus” raccoglie le testimonianze di piccoli e grandi imprenditori, del panorama politico, economico e sociale nazionale.

L’evento simbolico ha visto la piantumazione di  4 alberelli di ulivo con una targa per ricordare chi oggi non c’è più, ed è avvenuto alla presenza del presidente dell’associazione Valentia Anthony Lo Bianco, al referente territoriale Alfonso Lentini, ai dirigenti nazionali Giuseppe Piccolo e Valentina Fusca, al sindaco di Limbadi Pantaleone Mercuri, l’assessore ai lavori pubblici Alfonso Limardo, l’assessore alla pubblica istruzione Alessandra Limardo, l’assessore alle politiche sociali Simona Romano, il presidente del consiglio Nicola Nicolini, i consiglieri Alessandra Vallone e Vincenzo Lentini e Don Cosma Raso. Presenti inoltre alcuni parenti delle vittime del Covid.

«Piantare un albero è un gesto importante, un segno capace di attraversare il tempo», queste le parole del presidente Anthony Lo Bianco che ha ringraziato il comune di Limbadi e inoltre Don Cosma Raso, il Comando dei Carabinieri ed i parenti delle vittime. «Con queste aree verdi che stiamo inaugurando simbolicamente su scala nazionale, vogliamo ricordare chi purtroppo a causa della pandemia non c’è più. La donazione di alcuni alberi ha simbolicamente un grande valore», così i componenti della segreteria nazionale presenti.

Il referente di Valentia per Nicotera-Limbadi, Alfonso Lentini ha dichiarato: «Questo è stato indubbiamente un anno che nessuno mai dimenticherà, la pandemia ha colpito tutti in modo inaspettato, sia sul piano economico che sociale e familiare. Ora comincia ad intravedersi la luce in fondo al tunnel dopo questo lungo periodo di buio. Quella di ieri è stata un’iniziativa per ricordare le vittime di questa odiosa pandemia che pur lottando non ce l’hanno fatta. La piantumazione di questi alberelli d’ulivo ha come simbolo la rinascita e la speranza di un futuro migliore in pace e serenità. Un ringraziamento finale e speciale ai partecipanti: tra cui l’amministrazione comunale, il sindaco, il comando dei carabinieri e i familiari delle vittime augurando un nuovo inizio».

Il Sindaco e l’amministrazione comunale di Limbadi hanno ringraziato l’associazione Valentia per la stupenda iniziativa che sta mettendo in atto in tutto il territorio nazionale. «Il ricordo delle vittime di Covid19 rappresenta un momento di commemorazione importante per le comunità nel segno del ricordo e della memoria di chi, purtroppo, non è riuscito a vincere la battaglia contro questo inaspettato nemico. Queste iniziative, inoltre, servono da monito per tutti, affinché non si sottovaluti la diffusione del virus e le conseguenze a cui può portare».

Articoli correlati

top