sabato,Maggio 8 2021

Mileto, sarà intitolata al vescovo Cortese la piazza antistante al santuario de “La Cattolica

Deliberate dal Comune anche le intitolazioni alle Ferrovie Calabro Lucane del piazzale dell’ex Casello e al maestro Raffaele Preiti di una via di Comparni

Mileto, sarà intitolata al vescovo Cortese la piazza antistante al santuario de “La Cattolica
La piazza de “La Cattolica”

Sarà intitolata a monsignor Domenico Tarcisio Cortese la piazza in cui è situato il santuario mariano de “La Cattolica” di Mileto. Nelle scorse ore, infatti, l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Salvatore Fortunato Giordano, su input di un comitato civico, ha approvato la delibera con cui si dà il via all’iter burocratico teso a commemorare nel migliore dei modi un vescovo molto amato nella cittadina normanna, rimasto alla guida della diocesi per ben 28 anni, dal 1979 al 2007. Del resto, fu proprio lui a far restaurare e ad elevare la settecentesca chiesa de “La Cattolica” a santuario mariano, in occasione del Giubileo del 2000.

Tra i motivi che hanno portato il Comune a procedere ad intitolare la piazza al predecessore dell’attuale vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea monsignor Luigi Renzo, «la sua feconda e profonda formazione culturale, l’amore sincero e convinto che ha portato alla nostra città, l’alto ed impegnato ministero pastorale espletato con accorta saggezza e luce della fede, l’aver operato nell’interesse dei deboli e dei diseredati promuovendo ed organizzando attività di aiuto e sostegno a favore di popolazioni povere dello Zambia, l’aver indicato e sostenuto con impegno, rigore e fermezza la necessità di avviare la società verso un cammino di legalità, di giustizia e moralità secondo un modello autenticamente cristiano e francescano».

Monsignor Cortese è morto nel novembre del 2011 stroncato da un infarto, all’interno dello spartano appartamento che da qualche tempo occupava nella Casa di Fraternità sacerdotale “Madre Teresa”, situata a Roma in via del Casaletto. Alcuni giorni dopo, il suo corpo fu tumulato con tutti gli onori a poche decine di metri dalla piazza de “La Cattolica”, all’interno di un apposito monumento marmoreo situato sulla navata destra della basilica cattedrale di Mileto, chiesa madre della prima diocesi di rito latino del meridione d’Italia. Adesso la pratica sarà inoltrata alla Prefettura di Vibo Valentia, al fine di ottenere il benestare per intitolargli la piazza.

La littorina nel piazzale Fcl

Nelle scorse ore l’amministrazione Giordano ha deliberato la rimodulazione della toponomastica di altri due luoghi pubblici ubicati sul territorio comunale. Si tratta, nello specifico, dell’area di Mileto centro antistante l’ex Casello delle Ferrovie Calabro Lucane, che diverrà “Piazzale stazione F.C.L.”, e dell’attuale via “Case Popolari” sita nella frazione Comparni, che a sua volta sarà intitolata al maestro di scuola elementare “Raffaele Preiti”. In questo senso si erano rispettivamente spesi l’ex preside Imperio Assisi e un comitato cittadino. Anche in questo caso le relative pratiche saranno inoltrate alla Prefettura di Vibo Valentia per l’ottenimento delle autorizzazioni necessarie.

Articoli correlati

top