domenica,Luglio 25 2021

Ionadi, il Papa risponde alle lettere ricevute dagli studenti sull’ambiente

Gli alunni della scuola media avevano inviato al Pontefice le loro riflessioni sulla tutela del creato. Giorni fa la risposta del Papa tramite la Segreteria

Ionadi, il Papa risponde alle lettere ricevute dagli studenti sull’ambiente
La scuola di Londra gemellata con quella di Ionadi

La scuola media di Ionadi chiama e Papa Francesco risponde. È giunta nei giorni scorsi la lettera con cui il Pontefice, attraverso la Segreteria di Stato, ha dato riscontro alle missive inviategli dagli alunni della scuola afferente all’Istituto comprensivo di San Costantino Calabro, al fine di esprimere i loro sentimenti e le loro riflessioni sul percorso svolto nell’ambito del progetto di ampliamento dell’offerta formativa “Gli stewards incontrano la Laudato si’”. Indubbiamente una lieta sorpresa per il dirigente scolastico Luisa Vitale, la docente Mariarosaria Bertuccio e tutti gli studenti coinvolti. «Grato per i sentimenti tanto belli che hanno ispirato il filiale gesto – si legge nella lettera a firma di monsignor Roberto Cota – il Santo Padre assicura per ciascuno un ricordo al Signore e, mentre vi esorta a crescere nei valori umani della solidarietà e della fratellanza, rammenta che i doni della vita e del creato provengono dall’amore di Dio per l’umanità e che, nella misura in cui li accogliamo, possiamo diventare a nostra volta dono d’amore per i fratelli». [Continua in basso]

La missiva si conclude invocando la protezione della Beata Vergine Maria, impartendo la benedizione apostolica e auspicando che, insieme agli insegnanti e agli amici, «voi studenti possiate sempre camminare con gioia sulla via della pace per divenire costruttori di ponti e non di muri». “Gli stewards incontrano la Laudato sì” rappresenta la prosecuzione del progetto di gemellaggio elettronico avviato tre anni fa con la scuola di Londra “Our Lady’s Convent High School”. Gli allievi di entrambi gli istituti hanno preso come modello Greta Thunberg e hanno dato vita a un comitato di volontari ambientalisti, con l’obiettivo di riflettere sulle problematiche ambientali e di sensibilizzare coetanei e adulti sull’importanza di acquisire semplici abitudini quotidiane, utili a ridurre gli sprechi e il consumo di plastica monouso e ad incentivare la raccolta differenziata e il riciclo. In quest’ultimo frangente hanno deciso di prendere spunto dall’enciclica “Laudato sì”, con cui Papa Francesco invita tutti a prendersi cura della casa comune.

top