giovedì,Settembre 16 2021

Da 2 anni attende la consegna della tessera sanitaria: «A chi dobbiamo rivolgerci?»

Le parole di un cittadino residente a Briatico: «Ad aprile ne ho richiesta un’altra ma non è ancora arrivata. Zero risposte anche dalle poste private responsabili della consegna»

Da 2 anni attende la consegna della tessera sanitaria: «A chi dobbiamo rivolgerci?»
Tessera sanitaria, immagine di repertorio da Ansa

Da due anni attende la consegna della tessera sanitaria. È la segnalazione di un cittadino residente a Briatico alle prese con un problema burocratico diventato un vero e proprio incubo: «L’iter – ci racconta – è partito ufficialmente due anni fa (con normale richiesta all’Agenzia delle Entrate senza avere criticità di natura tecnica) allo scadere della tessera sanitaria di mia figlia. Poi, nell’aprile scorso, a seguito di sollecitazioni e zero risposte, ne ho richiesta un’altra negli uffici sanitari di Tropea. Anche in questo caso, a distanza di mesi, la tessera sanitaria continua ad essere un miraggio: in mano abbiamo solamente un foglio di carta».

La consegna della tessera sanitaria

Una vicenda personale che non trova sbocchi: «Mia figlia – evidenzia – si trova fuori regione e sto cercando di recuperare in ogni modo (ovviamente con delega) e con non poche difficoltà la sua tessera sanitaria. Il cartaceo è utile ma dopo un po’ di tempo la gente ha necessità di avere materialmente in tasca il proprio documento». Tuttavia a distanza di mesi tutto tace: «Ho chiamato anche le poste private responsabili della consegna delle tessere. Mi hanno detto che lì a Vibo non c’è. Tutto questo è un mistero. Allora mi chiedo, a chi dobbiamo rivolgerci? La tessera sanitaria serve, in questo periodo di pandemia ancor di più, considerando vaccinazioni e necessità di salute».

La testimonianza da Briatico

La questione sollevata dalla città del mare non sarebbe un caso isolato: «Altri conoscenti mi hanno riferito simili disservizi per quanto concerne la consegna delle tessere sanitarie. Non vogliamo puntare il dito contro nessuno ma queste sembrano situazioni da terzo mondo. Le autorità o chi di competenza devono conoscere queste difficoltà affinché vi si ponga rimedio. O almeno – conclude – ci dicano a quale santo dobbiamo rivolgersi».

Articoli correlati

top